La famiglia Vivo X60 detiene un primato assoluto in tema fotografico, ecco quale (foto)

Vincenzo Ronca

Vivo è una delle azienda cinese produttrici di smartphone che più è attiva nell’ultimo periodo, e sta preparando il lancio della sua nuova serie di top di gamma, la famiglia Vivo X60.

Alla fine dello scorso anno Vivo si è lanciata ufficialmente nel mercato italiano, pertanto i dispositivi che sta preparando ci interessano da vicino. Nelle ultime ore sono trapelati interessanti novità sulla serie Vivo X60, che includerà un modello standard, Vivo X60 Pro e X60 Pro+, che già conosciamo dopo il lancio avvenuto per il mercato cinese. Tra pochi giorni tali dispositivi debutteranno a livello globale e arriveranno con una novità assoluta per il settore smartphone, che riguarda il comparto fotografico.

LEGGI ANCHE: Vivo X51, la recensione

La novità consisterà nell’implementazione della tecnica chiamata pixel shift per il comparto fotografico. Questo algoritmo è già usato in macchine fotografiche DSLR ma finora non è mai stato implementato su smartphone. Le immagini che vedete in galleria mostrano brevemente in cosa consiste e perché sarebbe migliore delle attuali tecniche impiegate dagli altri smartphone: finora infatti le fotocamere degli smartphone si sono basate sul pattern Bayer, per il quale ogni pixel include una matrice di sotto pixel in grado di essere sensibili a un solo colore, non equamente ripartiti tra verde, blu e rosso (perché l’occhio umano è più sensibile al verde), una procedura che implica delle imperfezioni perché per colmare i gap che vedete tra sotto pixel è necessaria un’interpolazione software.

Pertanto, quanto scattato dalle attuali fotocamere degli smartphone è frutto anche di interpolazione, non per forza sempre corrispondente all’immagine reale. La serie Vivo X60 invece potrà contare sul pixel shift: questo implica appunto uno shift, sia in senso verticale che in senso orizzontale, della matrice di sotto pixel in modo da non dover ricorrere all’interpolazione per realizzare digitalmente l’immagine che “vede” il sensore. Per farlo è necessario che lo smartphone scatti più foto della stessa scena, rapidamente in modo che l’utente non avverta tale procedura.

Vivo ancora non ha condiviso i dettagli sulla nuova tecnica che ha implementato sui suoi X60, ma i risultati dovrebbero corrispondere a degli scatti con maggiori dettagli e tonalità maggiormente fedeli. Qui sotto trovate un esempio della resa del pixel shift sulla Alpha 7R IV di Sony.

Via: GSM Arena
Vivo X60

Vivo X60

  • CPU
    octa 2.8 GHz
  • Display
    6,57" FHD+ / 1080 x 2376 px
  • RAM
    8 GB
  • Frontale
    32 Mpx ƒ/2.5
  • Fotocamera
    48 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4300 mAh
Vivo X60 Pro

Vivo X60 Pro

  • CPU
    octa 2.8 GHz
  • Display
    6,57" FHD+ / 1080 x 2376 px
  • RAM
    12 GB
  • Frontale
    32 Mpx ƒ/2.5
  • Fotocamera
    48 Mpx ƒ/1.5
  • Batteria
    4200 mAh
Vivo