La Fast Pair UI si estende a Fitbit e a dispositivi Bluetooth di terze parti (foto)

Enrico gargiulo -

Nella fine dello scorso anno, Android ha cominciato a distribuire la Fast Pair UI (interfaccia utente di accoppiamento rapido), decisamente ispirata ad Apple, includendo dal principio i soli accessori di Google come Pixel Buds. Nel corso del tempo, però, questa nuova interfaccia ha cominciato a supportare altri dispositivi, ai quali oggi si aggiungono OnePlus Buds e gli smartwatch Fitbit.

Ma se la società celebre per i suoi orologi, essendo stata acquisita da Google, è ormai parte del suo ecosistema, ci entusiasma maggiormente che di questa UI beneficino anche prodotti di terzi, come OnePlus Buds e OnePlus Buds Z, ma anche Bose QC 35 II e tutti i dispositivi che supportano il metodo di connessione Fast Pair di Google.

LEGGI ANCHE: Google Nest Hub 2, l’assistente attento anche sulla qualità del nostro sonno

Nel caso dobbiate accoppiare il vostro smartphone Android con dispositivi Fitbit, in un paio di secondi vedrete spuntare la nuova Fast Pair UI, dove potrete tappare su “Configura” per essere reindirizzati all’app Fitbit, mentre per gli accessori che non necessitano di configurazione, sarà sufficiente premere su “Connetti” per stabilire una connessione Bluetooth. In ogni caso, di certo non potremo più dire che la notifica ci sia sfuggita perché troppo piccola e simile a quelle che riceviamo da altre applicazioni e, diciamocelo, dal punto di vista del design è anche un bel po’ più curata e apprezzabile.

 

Via: 9to5Google
fitbit