Google prende l’ennesimo abbaglio: prima sospende e poi ripristina l’app di messaggistica Element dal Play Store

Filippo Morgante

Element (precedentemente Riot.im) è una popolare app di messaggistica e collaborazione per team, ideale per aumentare la produttività del gruppo di lavoro anche a distanza tramite le chat di gruppo. Questa applicazione che utilizza la crittografia end-to-end e sfrutta il protocollo Matrix per fornire videoconferenze, condivisione di file e chiamate vocali ai suoi utenti, era stata purtroppo rimossa dal Google Play Store senza preavviso nella giornata di ieri. Presumibilmente si è trattato dell’ennesimo caso di errore da parte di Google, ma già da qualche ora è tornata disponibile al download sullo store di Google.

LEGGI ANCHE: Cos’è Clubhouse, il nuovo social solo audio: l’abbiamo provato per voi

Element ha annunciato ieri su Twitter che la sua app è stata sospesa sul Play Store, senza alcuna notifica da parte di Google. Il servizio ha poi ricevuto la conferma che l’oscuramento era dovuto alla presenza di contenuti abusivi. Dal momento però che Element rappresenta solo un client per i server Matrix, questo divieto sembra essere un altro caso in cui Google scambia i contenuti in client di terze parti per contenuti ospitati dallo sviluppatore.

Fortunatamente è tutto tornato alla normalità, e nella giornata odierna l’account Twitter di Element ha annunciato che l’app per Android è tornata sul Play Store. Google ha anche comunicato al team di Element che come si ipotizzava, il tutto era dovuto ad una segnalazione di contenuti abusivi sul server di Matrix, che ora sono stati rimossi.

Via: androidpolice