Chrome Beta si aggiorna con tantissime novità: privacy, interfaccia grafica e metodi di condivisione (foto)

Vincenzo Ronca

Google ha appena rilasciato la versione 88 di Chrome sulle varie piattaforme sulle quali il suo browser web è attualmente compatibile. Abbiamo appena fatto in tempo a descriverle che subito arrivano quelle della versione 89.

La versione 89 del browser di Google attualmente è stata distribuita per Chrome Beta, con una serie di importanti novità. Andiamo a vederle insieme con ordine.

Privacy Sandbox

Si tratta di una nuova sezione delle impostazioni del browser Chrome, la quale è stata implementata nella sezione superiore della Privacy. Come vedete dagli screenshot presenti qui in basso, la nuova Privacy Sandbox include una sola opzione denominata Web crowd, che rende perfettamente l’idea del suo funzionamento: Google spiega ai suoi utenti che possono abilitare un tracciamento delle preferenze che invade minimamente la privacy, perché considera le preferenze solo all’interno di gruppi. Come le folle presenti ai concerti, è possibile conoscere i loro gusti musicale senza doverli indentificare.

La novità è disponibile attualmente in fase di test, per usarla sarà necessario abilitare il seguente flag:

chrome://flags/#privacy-sandbox-settings

Nuovo feed per Google Discover

Con il nuovo Chrome Beta sono stati introdotti degli aggiornamenti grafici all’interfaccia di Discover, in particolare al suo feed dei contenuti. Come vedete dal confronto tra la versione precedente e quella nuova, le novità consistono in card rese più rilevanti dal punto di vista dimensionale, titoli più in primo piano e divisori più sottili.

Info sul sito web

Le novità per Chrome Beta investono anche le informazioni relative a ciascun sito web visitato, quelle accessibili mediante il tap sull’estremità sinistra della barra degli indirizzi. Come vedete dal confronto con la versione precedente presente qui sotto, le informazioni occupano più spazio e sono più dettagliate.

Web NFC API abilitate

Con la versione 89 di Chrome le API Web NFC saranno abilitate di default. Questa è una novità che coinvolge essenzialmente gli sviluppatori di terze parti, che ora possono sviluppare i loro contenuti sulla base di queste nuove API. Per maggiori dettagli tecnici sulle possibili applicazioni vi suggeriamo di leggere l’articolo dedicato sulla piattaforma Google Developers.

Condivisione web su desktop

Quest’ultima novità riveste particolare importanza per le sue potenzialità: si tratta della possibilità di condividere i contenuti web tramite il classico foglio di condivisione anche su piattaforma desktop tramite Chrome. La novità sarà disponibile con Chrome 89 su Windows e Chrome OS. Chiaramente starà anche agli sviluppatori delle app di terze parti a implementare le righe di codice per visualizzare tali app nel foglio di condivisione di Chrome. Qui sotto ne avete un esempio pratico.

Altre novità minori

Le versione 89 di Chrome è attualmente in fase di distribuzione automatica per coloro che hanno installato la versione Beta su Android e piattaforma desktop. Qui sotto trovate il badge di download dal Play Store, il link di download per Windows e il changelog che include anche le novità minori introdotte dall’aggiornamento che abbiamo appena descritto.

Chrome Beta 89 per Windows | Download

  • Chrome added support for text fragment links in 2019, which are links that automatically scroll to a certain string of text. Google Search started using them in 2020, and now websites can change how the highlighted portions look like with the new CSS ::target-text pseudo-element.
  • Chrome 89 can load AVIF content natively using AV1 decoders on Android and WebView.
  • The CSS property ‘list-style-type’ supports two new keywords: ‘disclosure-open’ and ‘disclosure-closed’.
  • The default value of CSS ‘display’ property for has been changed from ‘block’ to ‘list-item’.
  • Chrome now supports the CSS property ‘overflow:clip,’ which allows web pages to turn off any type of scrolling for a box. It uses less RAM than ‘overflow: hidden,’ which is often used for the same purpose.
  • Google has added a new cross-origin reporting API for sites to track usage across different web domains.
  • Sites can now detect if the current device is set to high contrast display mode, using the new forced-colors CSS media query (similar to how detection for dark mode works).
  • Some legacy prefixed events (webkitprerenderstart, webkitprerenderstop, webkitprerenderload, and webkitprerenderdomcontentloaded) have been removed.
  • Chrome now supports the ‘await’ keyword at the top level in JavaScript modules.
  • The chrome://media-internals page will be removed in Chrome 91, and Chrome 89 includes a new flag (#enable-media-internals) that toggles access to the page.
  • The new flag #enable-table-ng is available in Chrome 89, which enables the new Blink table layout engine, TableNG.
  • There’s a new flag for enabling “a rich bottom sheet” for installing Progressive Web Apps on Android, #mobile-pwa-install-use-bottom-sheet, but it doesn’t appear to do anything yet.
  • When you enter a website in the Chrome address bar, it currently adds “http://” to the front by default. Chrome 89 has a new flag (#omnibox-default-typed-navigations-to-https) that changes this behavior, and if the website doesn’t appear to support HTTPS, Chrome will fall back to the HTTP URL.
  • Chrome 89 has initial support for XFA forms in the PDF reader.
  • A new flag, #read-later-reminder-notification, adds a popup when an article in your reading list has been unread for a week.
  • The Web Serial API, which allows web apps to communicate with hardware over serial connections, is now enabled by default on Windows and Chrome OS. It was previously only enabled by default on Android.
  • The WebHID API allows sites to more easily use gamepads and other interface devices, and it’s enabled by default with Chrome 89.

Fonte: Android Police