Come potrebbero essere Huawei P50 e P50 Pro: la fotocamera sarà sempre il fulcro, ma potrebbe esserci una sorpresa (foto)

Come potrebbero essere Huawei P50 e P50 Pro: la fotocamera sarà sempre il fulcro, ma potrebbe esserci una sorpresa (foto)
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

I prossimi top di gamma che Huawei lancerà sul mercato arriveranno nell'ambito della famiglia P50. Su tali dispositivi ancora aleggia dell'incertezza, sia dal punto di vista delle specifiche tecniche che da quello software.

Nelle ultime sono emersi online dei nuovi e accurati render di Huawei P50 e Huawei P50 Pro. Questi sono stati realizzati da Jermaine Smit in collaborazione con LetsGoDigital e potete vederli nella galleria in basso: quello attorno a cui tutto dovrebbe ruotare dei nuovi flagship Huawei dovrebbe essere il comparto fotografico posteriore, per il quale ci si aspetta persino una configurazione a 5 sensori per la variante Pro, con un modulo rettangolare di dimensioni consistenti sulla scocca posteriore.

Per Huawei P50 ci si aspetta invece un design della tripla fotocamera più ordinario, simile a quello che abbiamo visto per LG Velvet. Anteriormente i render mostrano un display, che per la variante standard dovrebbe avere un refresh rate a 90 Hz mentre per la Pro arriverà a 120 Hz, forato centralmente e curvo ai lati.

Riguardo le specifiche tecniche dei comparti che abbiamo appena citato non sono presenti particolari informazioni. Una delle sorprese che i nuovi Huawei P50 potrebbero presentare è riferito al versante software: loro potrebbero passare alla storia come i primi smartphone di Huawei lanciati sul mercato con HarmonyOS 2.0.

Infine, Gizchina ha messo altra carne al fuoco, citando un blogger cinese su Weibo: secondo gli ultimi rumor, la serie Huawei P50 avrà un display di qualità comparabile a quello visto sulla serie Mi 11, supporterà la ricarica rapida cablata a 66W e quella wireless a 50W, e potrebbe avere un comparto fotografico capace di un livello di zoom pari a 200x. Su quest'ultimo punto aleggiano i dubbi maggiori. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

Commenta