Google TalkBack si rinnova per rendere l’interazione con lo smartphone più accessibile a tutti, ma preferisce i possessori di Galaxy

Filippo Morgante

Google TalkBack è un servizio di accessibilità che riproduce con un feedback vocale ciò che viene mostrato sullo schermo schermo dei vostri dispositivi. Tale servizio è disponibile dalle prime versioni di Android, ma solo nel 2018 Google lo ha inserito nella Android Accessibility Suite insieme ad altri servizi volti ad aiutare gli utenti con disabilità ad utilizzare il proprio smartphone. Negli scorsi mesi però, il colosso di Mountain View ha collaborato con Samsung per creare una nuova e migliorata versione di TalkBack.

LEGGI ANCHE: TomTom AmiGO per Android Auto: il rilascio della beta è iniziato

Come dichiarato anche durante l’evento Samsung Unpacked, questa versione sarà inizialmente disponibile per i soli dispositivi Galaxy (probabilmente a partire dai Galaxy S21). L’aggiornamento dello screen reader di Google è stato sviluppato seguendo anche le indicazioni di alcune comunità di non vedenti e ipovedenti, che hanno consigliato l’aggiunta di nuove funzionalità come nuove gesture multi-touch più intuitive, un menu unificato, nuovi controlli di lettura e menù e gesture personalizzabili.

Google ha aggiornato l’app Android Accessibility Suite con nuove funzionalità per TalkBack solo poche volte in passato. Nell’ottobre del 2020, l’azienda ha rilasciato nuove opzioni per le gesture con più dita, mentre nell’aprile del 2020 aveva aggiunto una tastiera Braille. Questa nuova attenzione verso i portatori di disabilità è sicuramente un gesto apprezzato, ma speriamo che anche tutti i dispositivi Android che non appartengono alla famiglia Galaxy possano ricevere presto l’aggiornamento.

Via: xda