TomTom AmiGO per Android Auto: il rilascio della beta è iniziato

TomTom AmiGO per Android Auto: il rilascio della beta è iniziato
Gabriele Rizzo
Gabriele Rizzo

TomTom AmiGO, la celebre app di navigazione del colosso Olandese di navigazione satellitare, era stata già annunciata come una delle prime app che avrebbero adottato la nuova libreria per lo sviluppo di navigatori compatibili con Android Auto.

L'attesa è stata leggermente più lunga rispetto alla data prefissata alla fine del 2020, ma finalmente è iniziato il rollout dell'aggiornamento nel canale beta, direttamente tramite il Google Play Store, che introduce il supporto ad Android Auto.

Entrare nel canale di aggiornamento beta è molto semplice: basta cercare l'app sul Play Store e aprire la relativa pagina. In seguito, scorrendo sotto, è possibile individuare un banner dal titolo "Diventa un beta tester". Se non lo si è già, si può scegliere di entrare a far parte del canale beta test, e dopo qualche minuto, il titolo dell'app avrà alla fine la dicitura "(beta)".

Una volta scaricata la versione beta dell'app, è tutto pronto per poter usare l'applicazione su Android Auto e per iniziare una navigazione.

A primo impatto, l'app ci è sembrata veramente molto pulita e ben fatta. Al primo avvio non ci sono menù laterali che ostruiscono la visione della mappa, e l'indicazione dei limiti stradali e della velocità corrente è sembre ben visibile all'angolo inferiore destro dell'interfaccia.

L'interazione è principalmente affidata a dei pulsanti di azione posti sul bordo superiore e che, all'occorrenza, scompaiono con una semplice e curata animazione di dissolvenza.

Tra questi pulsanti, vi è quello per aggiungere segnalazioni direttamente dallo schermo dell'auto (anche se l'icona è un po' equivoca e sembra essere adibita all'aggiunta di una tappa durante il percorso). Le segnalazioni possono essere di un autovelox, di un ingorgo, di una strada chiusa o di lavori in corso. Purtroppo, una volta scelto un tipo di segnalazione non vi è nessuna schermata di conferma che chiede se si vuole effettivamente aggiungere la segnalazione. Non vi è quindi una sensibilità all'errore dell'utente e, nel caso si è commesso un errore sul tipo di segnalazione non è possibile annullare l'operazione.

È possibile cambiare la modalità di vista della mappa che varia tra 3D e 2D con il Nord in alto. Ricordiamo che, per una scelta di Google, non è prevista alcuna interazione con il tocco per le app sviluppate con la libreria ufficiale di Android Auto. Anche nel caso di TomTom AmiGO, quindi, non è possibile trascinare la mappa o effettuare zoom.

Non segnaliamo nessun problema con i comandi vocali che vengono rilevati con precisione. Una volta richiesto un indirizzo, o un punto di interesse, l'app propone fino a 3 percorsi alternativi da intraprendere, con tutte le informazioni necessarie per scegliere il percorso più adatto.

Molto bene anche la segnalazione di telecamere per i semafori e autovelox. L'app fa vedere in maniera chiara che tipo di segnalazione è presente sulla strada, e mostra i metri mancanti al raggiungimento di essa. Inoltre, se si è superato il limite stradale, parte dell'interfaccia inizia a lampeggiare per richiamare l'attenzione del guidatore.

Dopo aver sorpassato la segnalazione, l'app invita a far sapere se quella segnalazione è valida e ancora presente, con una notifica a scomparsa.

Insomma come primissima versione con la compatibilità ad Android Auto, dobbiamo dire che il lavoro effettuato da TomTom è stato decisamente buono e l'attesa per il rilascio è stata più che ripagata. Finalmente l'offerta di app disponibili sulla piattaforma di Google si sta espandendo e AmiGO è sicuramente una valida alternativa alle già presenti Google Maps, Waze e, più recentemente, Sygic.

Fateci sapere se anche voi avete installato TomTom AmiGO e se l'avete già provata su Android Auto scrivendoci nei commenti e nel nostro gruppo Facebook Android Auto Italia.

Commenta