App

Stadia 2.52 prepara il supporto al multiplayer in locale, connessioni a 56k (?!) e il misterioso Project Hailstorm

Stadia 2.52 prepara il supporto al multiplayer in locale, connessioni a 56k (?!) e il misterioso Project Hailstorm
Roberto Artigiani
Roberto Artigiani

Google ha rilasciato da poco un aggiornamento dell'app Stadia per Android. La versione 2.52 è stata quidi analizzata dai colleghi di 9To5Google alla ricerca di novità ancora in preparazione. Il risultato è stato come sempre interessante, ma da prendere per quello che è: un'anteprima di possibili nuove funzioni che potrebbero arrivare o meno nell'applicazione.

Si parte da diverse stringhe relative a indicazioni per collegare l'account di un secondo utente in locale, ossia un amico che vi viene a trovare con il suo controller per giocare insieme in multiplayer. Le informazioni si riferiscono al'inserimento di un codice da inserire dopo aver visitato la pagina stadia.com/couch e, per come sono scritte, sembrano essere pensate per degli schermi più grandi degli smartphone. Che sia un altro segnale dell'arrivo di un'app per Android TV?

Da quando è stato lanciato il servizio non ha mai messo mano a una delle sue sezioni più scialbe: il tab Esplora. Pare che finalmente stia per arrivare il momento in cui questo spazio possa presentare delle opzioni interessanti. Il codice infatti rivela che qui prossimamente potremmo vedere apparire un mix di post della community, clip video popolari, screenshot, persone da aggiungere agli amici, i titoli più giocati, ecc.

Il resto dell'analisi mette in luce una stranissima stringa che parla di supporto alle connessioni a 56k. Parliamo di qualcosa che forse i nostri lettori più giovani non hanno nemmeno conosciuto, che rappresentava l'avanguardia... negli anni '90! Probabilmente siamo di fronte al prossimo pesce d'aprile?Infine, Project Hailstorm. Cos'è non è assolutamente chiaro, ma dal nome e dal testo scoperto pare sia qualcosa di grosso che però al momento è impossibile indovinare, ma siamo sicuri che torneremo a parlarne presto.

Via: 9To5Google

Commenta