L’era dei pieghevoli Xiaomi sta per iniziare: voi quale preferite? (foto)

Vincenzo Ronca Il produttore cinese ha appena brevettato diversi design di smartphone pieghevoli.

Xiaomi negli ultimi anni si è rivelato sempre più uno dei maggiori produttori di smartphone a livello mondiale e, per questo 2021 appena iniziato, sembra finalmente pronta per lanciarsi ufficialmente nel mercato dei pieghevoli, un settore nel quale Samsung finora ha giocato quasi da solista.

Nelle ultime ore sono trapelati online diversi brevetti depositati da Xiaomi in tema di smartphone pieghevoli. I documenti provengono dall’ente preposto ai brevetti in Cina e rappresentano le diverse idee che Xiaomi avrebbe per i suoi device pieghevoli. La prima tipologia di pieghevole corrisponde a uno smartphone con design a conchiglia, per il quale vediamo due varianti di posteriore: la prima include un design con quad-camera disposta verticalmente, un po’ a là LG Velvet, mentre la seconda sarebbe caratterizzata da una più classica doppia fotocamera disposta orizzontalmente.

La seconda e terza soluzione le vedete nelle due immagini presenti nella galleria successiva: il concept corrisponde a quello con cerniera centrale, che si ripiega sull’asse verticale, simile a quello che caratterizza Galaxy Z Fold 2. Le due soluzioni si differenzierebbero essenzialmente per il design della fotocamera posteriore.

L’ultimo concept di pieghevole brevettato da Xiaomi riguarda uno smartphone con cerniera centrale e display esterno molto piccolo, che si estende lungo tutta la dimensione verticale del dispositivo e che probabilmente dovrebbe servire esclusivamente per la consultazione rapida delle notifiche. Posteriormente vediamo lo stesso sistema di fotocamere disposte verticalmente, simile a quanto mostrato da LG Velvet.

Come al solito, ribadiamo che i brevetti depositati da Xiaomi non assicurano sulla concretizzazione dei dispositivi. D’altra parte ci aspettiamo almeno un pieghevole Xiaomi per il 2021, pertanto vi sono probabilità che almeno uno di questi appena visti potrebbe vedere la luce.

Fonte: LetsGoDigital
brevetti