Grazie a Samsung SmartThings Find non metterete più a soqquadro la casa per ritrovare i vostri dispositivi dispersi

Edoardo Carlo Ceretti

Dopo una fase beta che ha coinvolto oltre 6 milioni di utenti fra Corea, Stati Uniti e Regno Unito, SmartThings Find è pronto per rendersi disponibile globalmente per tutti i possessori di Galaxy con Android a partire dalla versione 8. Si tratta di un nuovo servizio che si prefigge l’ambizioso obiettivo di risolvere un problema che da sempre ci affligge: ritrovare i prodotti tech che vanno magicamente a incunearsi nei più remoti meandri della nostra casa.

Servendosi del Bluetooth Low Energy (BLE) e dell’ultra-wideband (UWB, disponibile su Galaxy Note 20 Ultra e Galaxy Z Fold 2), SmartThings Find ci consentirà di ritrovare a colpo sicuro smartphone, tablet, smartwatch e (soprattutto) auricolari true wireless che abbiamo perso di vista, ma che siamo sicuri che si trovino ancora nei paraggi.

LEGGI ANCHE: Recensione Samsung Galaxy Buds Live

I prodotti che vantano l’UWB potranno persino servirsi di un’interfaccia in realtà aumentata per andare a caccia dei dispositivi dispersi, facendosi guidare anche da una mappa e da una serie di suoni. E il servizio funzionerà anche nel caso il dispositivo che dobbiamo trovare fosse spento, grazie all’emissione di un segnale BLE, sempre nel rispetto di privacy e sicurezza degli utenti, grazie alla crittografia di tutte le informazioni scambiate. Il servizio sarà presto disponibile per tutti gli utenti Samsung, per maggiori informazioni vi rimandiamo al sito ufficiale.

Fonte: Samsung
Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

8.5

  • CPU
    octa 2.73 GHz
  • Display
    6,9" QHD+ / 1440 x 3200 px
  • RAM
    12 GB
  • Frontale
    10 Mpx ƒ/2.2
  • Fotocamera
    108 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4500 mAh
Samsung Galaxy Z Fold 2

Samsung Galaxy Z Fold 2

8.0

  • CPU
    octa 3.1 GHz
  • Display
    7,6" 1768 x 2208 px
  • RAM
    12 GB
  • Frontale
    10 Mpx ƒ/2.2
  • Fotocamera
    12 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4500 mAh