Quanto è migliorato il Galaxy Z Fold 2 sotto il cofano rispetto al predecessore? Ce lo dice JerryRigEverything (video)

Giovanni Bortolan

É di nuovo la volta di un pieghevole Samsung per JerryRigEverything, come di consueto smanioso di smontare quasi interamente il dispositivo sotto mano per valutarne i componenti ed il grado di riparabilità degli stessi. Dopo la prima esperienza con il Galaxy Fold originale (tuttavia nella prima versione fallata), orà tocca al Z Fold 2, terminale senza dubbio più maturo e sintomo di un know-how più profondo del produttore coreano.

Senza addentrarci nei dettagli di quello che sarà il video qui sotto, lo Z Fold 2 non guadagna moltissimi punti in termini di voto (passa da un 2/10 ad un 3/10, quindi ancora gravemente insufficiente), ma dimostra una certa cura e completezza per un dispositivo che comunque è ingegneristicamente più complesso di tutto ciò che si può trovare nel mercato degli smartphone.

LEGGI ANCHE: Prime Day 2020 in Italia: tutte le informazioni che cercate raccolte in un’unica pagina.

Tra gli aspetti positivi spicca senz’ombra di dubbio l’adozione dell’UTG (Ultra Thin Glass, lo stesso di Z Flip per intenderci) e la scelta di utilizzare tanti elementi modulari. All’infuori di ciò, lo Z Fold 2 rimane un terminale molto complesso da riparare, complice la natura ancora molto fragile dello schermo. Insomma, non serviva certo questo teardown per capirlo, il Galaxy Z Fold 2 è uno smartphone da non rompere.

Samsung Galaxy Z Fold 2

Samsung Galaxy Z Fold 2

  • CPU
    octa 3.1 GHz
  • Display
    7,6" 1768 x 2208 px
  • RAM
    12 GB
  • Frontale
    10 Mpx ƒ/2.2
  • Fotocamera
    12 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4500 mAh