Xiaomi introduce la tecnologia RAMDISK su smartphone per migliorare le prestazioni gaming

Lorenzo Delli

Che la quantità di RAM a disposizione dei più recenti smartphone Android sia in netto aumento non è certo un mistero. È anche per questo che Xiaomi ha deciso di introdurre la tecnologia RAMDISK su uno dei suoi dispositivi.

Un termine, RAMDISK, che potreste aver già sentito rammentare. Si tratta di una tecnologia che non ha certo inventato Xiaomi: a grandi linee, si utilizza una porzione della memoria RAM libera come se fosse una sorta di supporto di memoria classico. Lo si fa non per mancanza di gigabyte liberi, quanto più perché le RAM sono più veloci delle memorie classiche su cui solitamente installiamo giochi o applicazioni.

Un esempio concreto si ha con Xiaomi Mi 10 Ultra dotato di RAM LPDDR5 e memoria interna UFS 3.1. La velocità delle RAM in questione è pari a 44 GB/s, mentre quella di lettura e scrittura delle memorie UFS 3.1 è rispettivamente di 1.700 MB/s e 750 MB/s.

L’applicazione più logica della tecnologia RAMDISK è quella dei videogiochi, per il semplice motivo che le applicazioni non hanno di solito bisogno di tutta questa velocità di lettura. Si va quindi a scrivere i giochi in apposite partizioni della RAM. Proprio sul Mi 10 Ultra, Xiaomi ha attivato una RAMDISK Trial Mode che permette di provare con mano una decina di giochi. L’unico aspetto negativo della cosa è che nel caso spegniate il dispositivo, il gioco sparirà dal vostro smartphone. C’è comunque un opzione per spostare il gioco sulla memoria “classica”. 

Fonte: Gizmochina
Xiaomi Mi 10 Ultra

Xiaomi Mi 10 Ultra

  • CPU
    octa 2.84 GHz
  • Display
    6,67" FHD+ / 1080 x 2340 px
  • RAM
    8 GB
  • Frontale
    20 Mpx ƒ/2.3
  • Fotocamera
    48 Mpx ƒ/1.9
  • Batteria
    4500 mAh