Project Soli e Motion Sense non sono morti: li rivedremo in futuro, parola di Google

Vincenzo Ronca

Lo scorso anno Google ha stupito in positivo al lancio dei suoi Pixel 4 integrando per la prima volta il radar per il riconoscimento delle gesture senza interagire direttamente con lo smartphone, il frutto di quello che poi è stato denominato Project Soli.

La funzionalità derivante dalla possibilità di riconoscere le gesture tramite il radar di Project Soli è stata denominata Motion Sense. Lo stesso componente inoltre permette anche il riconoscimento facciale con elevato grado di sicurezza, comparabile con quello del Face ID di Apple. Sui nuovi Pixel appena svelati non vediamo Motion Sense, segno che Google non l’ha ritenuto importante per i suoi nuovi dispositivi. Questo ha fatto presupporre che Google avesse abbandonato il progetto.

LEGGI ANCHE: tutti i dettagli su Amazon Prime Day 2020

Sulla vicenda si è espresso Rick Osterloh, che è a capo della divisione Hardware di Google, affermando che il radar di Project Soli non è stato sepolto e che lo rivedremo in futuro. Google ha scelto di non usarlo in Pixel 5 e Pixel 4a 5G semplicemente perché implicava un costo non in linea con il prodotto concepito da BigG.

Fonte: The Verge
Google Pixel 4

Google Pixel 4

8.2

  • CPU
    octa 2.84 GHz
  • Display
    5,7" FHD+ / 1080 x 2280 px
  • RAM
    6 GB
  • Frontale
    8 Mpx ƒ/2.0
  • Fotocamera
    12,2 Mpx ƒ/1.7
  • Batteria
    2800 mAh
Google Pixel 4A 5G

Google Pixel 4A 5G

  • CPU
    octa 2.4 GHz
  • Display
    6,2" FHD+ / 1080 x 2340 px
  • RAM
    6 GB
  • Frontale
    8 Mpx ƒ/2.0
  • Fotocamera
    12,2 Mpx ƒ/1.7
  • Batteria
    3885 mAh
Google Pixel 5

Google Pixel 5

  • CPU
    octa 2.4 GHz
  • Display
    6" FHD+ / 1080 x 2340 px
  • RAM
    8 GB
  • Frontale
    8 Mpx ƒ/2.0
  • Fotocamera
    12,2 Mpx ƒ/1.7
  • Batteria
    4080 mAh