Pixel 5 e 4a 5G ufficiali: Google si crede Apple, ma non lo è (foto e video)

Nicola Ligas - Almeno Apple gli iPhone li vende in Italia...

La notizia era nell’aria da tempo, e la presentazione ufficiale ha fugato eventuali dubbi: Pixel 5 e Pixel 4a 5G non saranno disponibili in Italia. Magari tra qualche mese Google cambierà idea, ma nel prossimo futuro le cose rimarranno così. Ed è un peccato, perché proprio quest’anno Pixel 4a 5G sembra davvero un buon affare.

Google Pixel 4a 5G: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,2” 1.080 x 2.340 pixel (19,5:9) 60Hz OLED HDR, Gorilla Glass 3
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G con GPU Adreno 620
  • RAM: 6 GB
  • Memoria interna: 128 GB
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 12,2 megapixel, f/1.7, FOV 77°, OIS e EIS
    • Grandangolo: 16 megapixel, f/2.2, FOV 107°
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel, f/2.0, FOV 83°
  • Connettività: LTE, 5G, Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, NFC, GPS
  • Dimensioni: 153,9 x 74 x 8,2 mm
  • Peso: 168 grammi
  • Batteria: 3.885 mAh con ricarica a 18W

Google Pixel 5: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6″ 1.080 x 2.340 a 90Hz, OLED, Gorilla Glass 6
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G con GPU Adreno 620
  • RAM: 8 GB
  • Memoria interna: 128 GB
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 12,2 megapixel, f/1.7, FOV 77°, OIS e EIS
    • Grandangolo: 16 megapixel, f/2.2, FOV 107°
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel, f/2.0, FOV 83°
  • Connettività: LTE, 5G, Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, NFC, GPS
  • Dimensioni: 144,7 x 70,4 x 8,1 mm
  • Batteria: 4.080 mAh con ricarica a 18W

Si fatica a trovare differenze tra i due smartphone perché le differenze stanno nei dettagli. Ad esempio i materiali: policarbonato per Pixel 4a 5G, alluminio riciclato per Pixel 5. Certificazione IP68 per quest’ultimo, nessuna certificazione per il primo. E poi sì, Pixel 5 ha più RAM ed uno schermo a refresh maggiore, ma cosa volete che importi alla maggior parte degli utenti? Stesso processore, stesse fotocamere, e display ampiamente paragonabili: alla fin fine l’esperienza d’uso sarà molto simile. Anzi, Pixel 4a 5G ha il jack audio, mentre Pixel 5 no (perché togliere feature è considerato premium ormai).

E la differenza di prezzo? 200 dollari: 499$ per il 4a 5G e 699$ per Pixel 5. Cifra ragionevole per il primo, assai meno per il secondo, se pensate che a 700 dollari (e anche meno) si trovano smartphone con Snapdragon 865 e almeno 3 fotocamere posteriori (S20 FE, OnePlus 8, ZenFone 7, Xiaomi a profusione). Ma non finisce qui, perché Google si fa proprio beffe dell’Italia. In che modo? In UK, Francia e Germania non solo sono disponibili sia Pixel 5 che 4a 5G, ma pre-ordinandoli avrete in omaggio un paio di Bose QC 35 II, ed i prezzi non sono nemmeno malvagi (Pixel 5 in particolare è più conveniente che negli USA!): 499 e 629 euro rispettivamente per Pixel 4a 5G e Pixel 5.

Dopo 5 anni insomma, la “strategia smartphone” di Google non solo cambia rotta ogni anno, ma ancora non sembra aver imparato le basi, ovvero che non puoi proporre a prezzo quasi-premium uno smartphone che tanto-premium non è (a meno che tu non ti chiami Apple). Senza poi contare il fatto che Pixel 5 non è, per l’appunto, nemmeno così tanto premium, se lo rapportate ai vari OnePlus o Xiaomi che orbitano in quella fascia di prezzo (o anche meno).

In tutto ciò occorre anche sottolineare che se n’è andato lo sblocco col rilevamento sicuro del volto, che tanto abbiamo apprezzato su Pixel 4, sostituito da un tradizionale lettore di impronte sul retro. Per molti versi Google ha cancellato ciò che aveva fatto lo scorso anno infatti, ed è ripartito, sia a livello estetico che di funzionalità. Se ne va infatti anche la fotocamera zoom posteriore, sostituita da un grandangolo, che il pubblico chiedeva a gran voce (ma perché per forza a scapito dello zoom?).

Tra le novità software abbiamo portrait light, che vi permette di cambiare l’illuminazione di un ritratto, come mostra la GIF qui sopra. Essendo tutto fatto via software, potete applicarlo anche in post-produzione, tramite Google Foto, il che ci lascia pensare che questa funzione prima o poi arriverà per tutti.

Altra novità: Google spinge sui video. Tra le nuove funzioni ce n’è una chiamata cinematic pan, per catturare a mano libera dei bei movimenti fluidi, per lo più in slow motion 2x, in modo che anche un movimento ordinario possa sembrare appunto cinematografico.

C’è anche una nuova modalità Extreme Battery Saver, che assomiglia molto a quanto abbiamo già visto su altri smartphone, ovvero limita tutte le funzioni a solo quelle essenziali ed alle eventuali app aggiuntive scelte dall’utente. Nel complesso sembra insomma una funzione già vista su tanti altri Android, che aiuta nelle situazioni di emergenza, ma nulla più.

Aggiornamento

Abbiamo aggiunto un paragrafo con le promo di lancio nel resto d’Europa, che rendono ancora più frustrante l’esclusione dell’Italia dal lancio dei Pixel.