Android 11 rimuove un limite, ma l'app di Google non sta al passo

Android 11 rimuove un limite, ma l'app di Google non sta al passo
Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Fino ad Android 10 il sistema operativo non permetteva le creazione di file video tramite la registrazione diretta che fossero più grandi di 4GB. I software quindi, almeno quelli che non avevano limiti sulla registrazione in 4K obbligavano quindi i file a essere troncati ogni 4GB di registrazione, che nel caso di un filmato in 4K a 30fps si aggirava attorno ai 13 minuti di registrazione. Un valore che poteva variare in base al bitrate e al singolo produttore di smartphone, che in certi casi poteva anche aver manualmente aggirato questo limite nel suo firmware.

Con Android 11 però questo limite è stato rimosso e adesso le applicazioni possono registrare filmati senza alcun tipo di limitazione di dimensione nella memoria interna.

Almeno in teoria. La fotocamera Google sembra infatti continuare ad imporre un limite sulla dimensione dei file, anche se adesso questo limite è stato alzato a 10 GB. Secondo i test di AndroidPolice Flimic Pro invece continua a troncare i file a 4 GB, mentre Open Camera abbraccia la novità e non sembra imporre alcun limite sulle dimensione del singolo file.

La limitazione sulla dimensione del singolo file storicamente ha varie motivazioni, che possono essere dalla tipologia del filesystem, ai problemi che possono incorrere in caso di microSD piena o genericamente dalla difficoltà di alcune app di aprire file di grandi dimensioni.

Un file tagliato in più parti però può causare più di qualche grattacapo all'utente finale che potrebbe trovarsi in galleria più filmati di quelli desiderati.

Non sarà una novità che potranno apprezzare in molti, ma fa comunque piacere sapere che un nuovo limite è stato abbattuto in Android 11, benché Google non sembra riuscire a tenere il passo con sé stessa.

Commenta