Samsung si prepara a salutare il display con foro? Il Galaxy S21 (S30) potrebbe essere l’ultimo

Federica Papagni -

Da tempo ormai le case di produzione degli smartphone stanno progettando la nuova tecnologia per fotocamera che permetterà di avere degli schermi ancora più puliti dal punto di vista estetico. Stiamo parlando delle fotocamere sotto il display che ci faranno definitivamente dire addio alle tacche, fori e notch a goccia che attualmente vediamo sui nostri dispositivi. Secondo quanto riferito da due importanti leaker, Samsung avrebbe bella che pronta questa nuova tecnologia che potrebbe essere commercializzata nel prossimo anno.

Eliminare queste “impurità” non è facile, come lo stesso Lu Weibing, General Manager del sub-brand Redmi, ha evidenziato. I problemi ben noti sono due:

  • La velocità di trasmissione della luce più bassa, che influisce sulla qualità dell’immagine;
  • La differenza di quantità di pixel per pollice (PPI) tra la parte sotto il foro della fotocamera e il resto dello schermo.

LEGGI ANCHE: Ecco la prima custom ROM con Android 11 per Xiaomi Mi 9T Pro

Il famoso leaker Ice Universe ha dichiarato in un suo post su Twitter che la soluzione pensata dall’azienda sudcoreana per l’implementazione di questa tecnologia sui suoi dispositivi è nettamente più avanti rispetto a quelle progettate dalle altre aziende. La società desidera migliorare ulteriormente la tecnologia, motivo per cui probabilmente non lo vedremo sul Galaxy S21 (S30).

Alla discussione si aggiunge anche l’insider della catena di fornitura Ross Young, che si è mostrato fiducioso nel ritenere che l’anno prossimo sarà l’anno giusto per vedere questa tecnologia sui dispositivi Samsung, se non con il Galaxy S21 (S30), almeno con il Galaxy Z Fold 3.

Anche la Apple non ha intenzione di rimanere indietro in questo settore e infatti se risolverà le problematiche relative a questa sfida entro il prossimo anno, è probabile che il successore dell’iPhone 12 eliminerà il notch. Questo pronostico sembrerebbe tra l’altro in linea con quanto previsto già l’anno scorso dall’analista Apple Ming-Chi Kuo e con la deposizione di un brevetto che illustra un iPhone privo di tacche.

Sembrerebbe che tutti i concorrenti siano in dirittura d’arrivo, ma chissà chi riuscirà a tagliare il traguardo per primo.

Via: PhoneArena