Google Play Music verso il tramonto: introdotta funzionalità che permette di esportare playlist locali (foto)

Federica Papagni -

A partire da ottobre Google Play Music si ritirerà dalle scene e sarà sostituito da YouTube Music. Già da un po’ di tempo è possibile trasferire completamente la propria libreria da un servizio a un altro, ma prima di salutare definitivamente il vecchio servizio di streaming musicale di Google, l’azienda di Mountain View ha aggiunto nell’ultima versione per Android una nuova funzionalità, sempre però connessa al processo di trasferimento: esporta playlist locali.

Questa novità è stata introdotto nella v. 8.26 dell’app ed è disponibile nella sezione Generali delle Impostazioni. Questo strumento non è rivolto verso coloro che hanno salvato le loro playlist in cloud, ma più che altro a quel ramo di utenti che utilizzano Play Music per ascoltare i media locali che sono stati trasferiti o scaricati direttamente nella memoria del dispositivo e sono stati organizzati tramite playlist.

LEGGI ANCHE: The Mandalorian Stagione 2 arriva su Disney+ il 30 ottobre

Già durante il mese di settembre, gli utenti della Nuova Zelanda e del Sud Africa dovranno salutare Google Play Music, mentre tutti gli altri li seguiranno a ottobre. In ogni caso, Google ha dichiarato che conserverà i brani del suo vecchio servizio fino a dicembre, cosicché gli utenti abbiano ancora un po’ di tempo per trasferire le loro playlist senza incorrere alla loro definitiva perdita.

Immagini