Finalmente Google rimedia a un’importante mancanza dell’auto-completamento delle password (foto)

Roberto Artigiani -

È indubbio che i password manager rendono le nostre interazioni quotidiane con la tecnologia un po’ meno complicate. Non è quindi una sorpresa che Google ne faccia uso e permetta di salvare le credenziali di qualsiasi app, sito e servizio nel proprio account. La cosa che però ha sempre stonato è la mancanza di un metodo di autenticazione per l’utilizzo in Android. Oggi finalmente BigG rimedia a questa piccola grande dimenticanza introducendo una nuova opzione.

Attraverso l’aggiornamento di Play Services infatti a Mountain View stanno abilitando via server un toggle che permette al sistema di verificare le credenziali dell’utente prima di farlo accedere all’autocompletamento. Il controllo avviene tramite le API BiometricPrompt presenti da Android 10 in poi e passa per l’impronta digitale, lo sblocco facciale o anche con la scansione dell’iride (per chi può).

LEGGI ANCHE: Arriva il tema scuro in Google Home

In realtà la novità è relativa visto che era in test sin da gennaio, ma ora dovrebbe essere arrivata a tutti. C’è però un dettaglio importante: l’opzione è disabilitata di default. Quindi se volete attivarla dovete andare in Impostazioni > Google > Compilazione automatica > Compilazione automatica Google > Sicurezza compilazione automatica, qui, come potete vedere dalle immagini in galleria, dovreste trovare il toggle “credenziali”.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: 9To5Google