La Google Camera si aggiorna in favore della vanità per i possessori di Pixel (aggiornato: ulteriori novità)

Vincenzo Ronca -

Google ha recentemente rilasciato un nuovo aggiornamento per la sua app Fotocamera, quella ufficialmente compatibile solo con i suoi Pixel, il quale introduce una novità per la nomenclatura dei file generati.

L’aggiornamento introduce la versione 7.5 dell’app Fotocamera di Google, in questo articolo abbiamo parlato delle principali novità introdotte. Oltre a queste, Android Police si è accorta di un nuovo metodo per la nomina dei file generati dall’app: dopo l’aggiornamento ad ogni scatto viene associato un nome che contiene la stringa PXL, a indicare che il file è stato generato con un Google Pixel.

LEGGI ANCHE: Google Pixel 4a, la recensione

Il nuovo metodo di nomina dei file è attivo per le immagini, e per ogni tipologia di scatto che viene realizzato, e per i video registrati con l’app Fotocamera di Google su dispositivi Pixel. Al momento non è possibile prevedere se accadrà lo stesso con altri dispositivi non Pixel che useranno il porting della Google Camera, dovremo verificarlo quando gli sviluppatori di terze parti realizzeranno un porting basato sulla versione 7.5 dell’app.

Aggiornamento24/08/2020 ore 14:25

L’aggiornamento che ha introdotto la versione 7.5 della Google Camera si è dimostrato ricco di novità, sebbene non particolarmente evidenti. Dopo aver visto come cambia la nomina dei file associati agli scatti, Android Police ha scovato ulteriori novità sulla gestione dei file associati agli stessi scatti.

In particolare, la nuova versione della Google Camera non creerà più una sottocartella per le immagini scattata in modalità Ritratto all’interno della cartella DCMI, localizzata nella memoria interna del dispositivo. Gli scatti in modalità Ritratto verranno dunque nominati con la desinenza PORTRAIT per distinguerli dagli altri. In questo senso, anche le foto scattate con Movimento attivato avranno la desinenza MP e quella scattate in modalità Notturna avranno la desinenza NIGHT. Infine, la nomina del file prevede anche la separazione per mezzo di un trattino basso tra la data e l’ora dello scatto incluse nel nome.

Via: 9to5Google, GSM ArenaFonte: Android Police (1), (2)