Tiktok nella bufera: potrebbe aver tracciato gli indirizzi MAC dei suoi utenti per mesi

Giovanni Bortolan -

Uno degli argomenti forti di queste settimane è senza nessun dubbio TikTok. Il social cinese è infatti al centro di una bufera su più fronti, tra la furia Trumpista che spinge per il ban dagli Stati Uniti, ipotesi di acquisizione da parte di Microsoft prima e Twitter poi e ultime ma non per importanza le immancabili accuse sulla violazione di privacy. TikTok non è nuova ad uscite di questo tipo (alcune addirittura supportate da Anonymous), e l’ultima scoperta non facilita di certo la vita al social.

Un report del Wall Street Journal ha infatti svelato come, sebbene la quantità di dati prelevati agli utenti non sia sospetta o eccessiva, l’applicazione abbia monitorato gli utenti Android fino agli ultimi mesi dell’anno scorso. Per farlo è stato utilizzato un metodo che viola severamente la policy di Google (ovviamente all’insaputa delle persone), che permette ad un applicazione di aggirare i sistemi di sicurezza interni al sistema operativo per avere accesso all’indirizzo MAC.

La particolarità di questo codice a 12 cifre, per chi non lo sapesse, è che è intrinseco nonché univoco di ogni singolo dispositivo. Ciò sta a significare che non cambia mai, nemmeno dopo un reset completo del terminale. Rimanendo sempre lo stesso, è palese come sia l’ingrediente perfetto per il tracciamento degli utenti e delle loro abitudini, cosa che secondo il WSJ TikTok avrebbe fatto indisturbata fino a novembre 2019.

LEGGI ANCHE: Lo smartphone Android più potente: il nostro test (video)

La smentita (o conferma) al momento non è arrivata né da parte di Google né di ByteDance, anche se gli sviluppatori hanno più volte sottolineato come l’attuale versione dell’app non abbia accesso all’indirizzo MAC; forse è proprio sulla parola “attuale” che ruota tutta la verità di questa vicenda.

Fonte: Engadget