Il Samsung Galaxy Note 20 non avrà il nuovo Gorilla Glass Victus, anzi l’alternativa sarà molto più fragile

Giovanni Bortolan

Giusto stamattina abbiamo avuto modo di dare una prima occhiata al nuovo vetro Corning Gorilla Glass Victus, due volte più resistente ai graffi ed alle cadute e prossimo al debutto proprio sul Samsung Galaxy Note 20 Ultra, in arrivo anch’esso a breve. Ciò potrebbe far pensare alla presenza di questo vetro Victus anche nella variante standard del Note 20, ma sembrerebbe non essere così, anzi.

Secondo le ultime indiscrezioni infatti il display del Note 20 non solo non sarà dotato dell’ultimo materiale di Corning, ma anzi avrà un vetro addirittura più fragile di quello del predecessore Galaxy Note 10. Se dovesse rivelarsi veritiera questa informazione confermerebbe le ipotesi delle ultime settimane, che vedono un Note 20 più “Lite” che “standard”.

Ad avanzare l’ipotesi è @rquandt su Twitter, che specifica anche il tipo di vetro scelto da Samsung: il Gorilla Glass 5 (introdotto nel 2016 ed equipaggiato per la prima volta su Note 7). Al di là delle normali migliorie tra una generazione e l’altra, è opportuno notare come Corning abbia — a partire proprio da Gorilla Glass 6 — cambiato la composizione chimica del materiale, rendendolo di fatto il doppio più resistente ai danni.

LEGGI ANCHE: Galaxy Note 20 senza veli: pochi compromessi ma più alla portata di tutti, trapela la scheda tecnica (foto)

Sembrerebbe dunque una scelta interamente dettata dal prezzo finale, che in linea teorica dovrebbe permettere a Samsung di aumentare ulteriormente il gap in cifre tra i due dispositivi, ma tutto questo in che misura? Un risparmio di pochi euro molto spesso non giustifica un downgrade di tale portata.

Fonte: SamMobile