Il benchmark per la sicurezza degli smartphone Android: tutti i dettagli su Android Device Security Database (video)

Vincenzo Ronca

La sicurezza è un aspetto fondamentale dei dispositivi mobili, per i quali una delle fette principali è basata su Android. Non tutti gli utenti sembrano esserne consci, e di conseguenza i produttori sono restii e curare questo aspetto. L’Android Device Security Database potrebbe però cambiare le carte in tavola.

Durante il Android Security Symposium 2020 che si è tenuto virtualmente gli scorsi 6 e 7 luglio, alcuni ricercatori specializzati in sicurezza informatica hanno introdotto e descritto l’Android Device Security Database. Si tratta di un vasto database, con l’obiettivo di crescere nel tempo, che dovrebbe svolgere il ruolo di benchmark per la sicurezza dei dispositivi Android. Attualmente il database contiene già i parametri di sicurezza software relativi a smartphone come Galaxy S20, Nokia 5.3, Google Pixel 4, Xiaomi Redmi Note 7, Huawei P40 e Sony Xperia 10.

LEGGI ANCHE: Google Pixel Buds, la recensione

Come anticipato sopra, la necessità di un benchmark per la sicurezza nasce dal poco interesse al tema della sicurezza da parte del mercato, di conseguenza i produttori di smartphone sono poco stimolati a investire risorse nel settore perché la sicurezza di un dispositivo non è facilmente “spendibile” in termini di marketing. È stato sottolineato comunque come Samsung stia facendo rilevanti sforzi per rilasciare velocemente le patch di sicurezza per alcuni dei suoi recenti dispositivi.

Uno dei parametri fondamentali che verrà preso in considerazione dal nuovo database per la sicurezza sarà collegato alle app preinstallate dai vari produttori sui loro smartphone: spesso questa tipologia di app implica delle autorizzazioni di accesso particolari che potrebbero mettere a rischio la sicurezza dei dati personali degli utenti. In questo contesto, il database offrirà un indicatore di sicurezza specifico per ogni app, con particolare attenzione per la tipologia di app che vengono preinstallate sui dispositivi.

Il successo del nuovo progetto dipenderà molto anche dal numero di utenti che vi aderirà, fornendo informazioni per arricchire il database e renderlo più specifico. L’obiettivo del Android Device Security Database è diventare l’AnTuTu della sicurezza per gli smartphone Android. Il progetto è giovane, per maggiori dettagli vi suggeriamo di consultare il suo sito ufficiale.

Fonte: XDA