Il trend del 2020? Niente caricatore in confezione: anche Samsung potrebbe non includerlo

Giuseppe Tripodi

Nelle ultime settimane ha fatto molto discutere la notizia – confermata da più fonti – che Apple non includerà un caricatore nella confezione di iPhone 12. Nonostante questo rumor non sia stato accolto bene dal pubblico, sembra che la scelta di non includere un adattatore da parete potrebbe diventare un trend: secondo un report proveniente dalla Corea del Sud e riportato dai colleghi di SamMobile, infatti, anche Samsung potrebbe non includere più i caricatori in confezione.

Secondo quanto riferito, l’azienda coreana starebbe attualmente valutando questa soluzione e potrebbe eliminare gli alimentatori già dal prossimo anno.

La notizia della rimozione del caricabatterie da parte di Apple ha sollevato un dibattito importante: questa mossa permetterà di risparmiare parecchio alle aziende (e magari proporre i propri dispositivi a prezzo più contenuto), ma soprattutto sarà un bene per l’ambiente. Considerando la diffusione degli standard USB-A e USB-C, è ormai molto probabile che tutti abbiano già in casa un alimentatore da parete da poter utilizzare con un nuovo iPhone o Samsung.

D’altra parte, se per iPhone la perdita non è poi così grave (ricordiamo Apple includeva dei banalissimi alimentatori da 5W, non adatti alla ricarica rapida), per gli utenti Galaxy la rimozione del caricatore da parete potrebbe essere ben più grave, dato che Samsung era solita includere alimentatori adibiti alla ricarica rapida, decisamente più costosi (e più utili per i clienti).