La gamma Galaxy S20 ora supporta i modelli 3D in realtà aumentata direttamente da Google Search (foto)

Giovanni Bortolan

Di recente la gamma di smartphone top di gamma Samsung Galaxy S20 è stata ufficialmente aggiunta alla lista di dispositivi Google ARCore. I dispositivi (per la precisione Galaxy S20, S20+ 5G e S20 Ultra 5G) supportano inoltre le nuove API Google Depth per una migliore resa delle funzionalità AR.

L’uffiucialità arriva a più di 3 mesi di distanza dall’annuncio della funzione, meglio tardi che mai si diceva. In ogni caso, ora i possessori di tali dispositivi potranno usufruire dell’immensa galleria di modelli 3D direttamente da Google Search. Sarà inoltre possibile prendere il modello e muoverlo all’interno dell’inquadratura, oltre che scattare foto e registrare video.

La Depth API sopra menzionata aiuta il software a distinguere lo sfondo da ciò che sta in primo piano, migliorando sensibilmente il comportamento dei modelli 3D (anche quelli animati) e il loro collocamento nello spazio virtuale. Ciò significa che grazie a questa nuova API il sistema sarà anche in grado di riconoscere un modello parzialmente nascosto da un oggetto, andandolo quindi a mascherare in automatico.

LEGGI ANCHE: Pixel 4a compie un altro passo verso lo sbarco sul mercato, ma con Google non si sa mai

Il tutto, stranamente, viene svolto solamente grazie alle informazioni date dal sensore fotografico principale. Nonostante i terminali in questione siano dotati di sensore ToF infatti, Google non sembra al momento interessata a sfruttare tale tecnologia.

Fonte: SamMobile