“Siamo super-impegnati sull’hardware e abbiamo una visione di lungo periodo” parola di Sundar Pichai, CEO Google

Roberto Artigiani Pichai spiega le difficoltà degli ultimi tempi e la determinazione nel costruire dispositivi

A quanto pare i Pixel sono finiti sotto la lente d’ingrandimento mediatica negli ultimi giorni. Complice un report che mostrava l’andamento al ribasso, modello dopo modello, delle vendite degli smartphone “made by Google” e la dipartita di un paio di importanti dirigenti (e di Eric Schmidt), le sirene hanno iniziato a suonare allarmate. Forse proprio per questo oggi Sundar Pichai, CEO di Google, ha rilasciato un’intervista a The Verge dove illustra le difficoltà degli ultimi tempi e spiega come mai l’azienda è determinata a rimanere nel settore hardware.

Sembra che le recenti acquisizioni di Nest e parte del team HTC abbiano causato diversi rimescolamenti interni. Inoltre il portafoglio di prodotti sempre più vasto ha ulteriormente complicato la gestione delle attività. Pichai ha poi dichiarato che “L’hardware è tosto. Ci vuole parecchio tempo per fare le cose per bene e pensare ai vari componenti”. Ad ogni modo rimarca che BigG è “super-determinata” e vuole continuare a investire nel settore, felice delle critiche positive ricevute da Pixel 3a.

LEGGI ANCHE: MIUI 12 è ufficiale

Ma perché Google, una realtà imbattibile lato servizi, ha deciso di entrare nel complicato mondo della realizzazione fisica di dispositivi? La risposta di Pichai è triplice: “spostare in avanti il mondo dei computer, guidare la visione dell’ecosistema (cosa non possibile occupandosi solamente della piattaforma software) e costruire un business sostenibile. La visione del CEO appare cristallina, quello che però non è affatto scontato è che tutto ciò venga compreso dagli utenti – figure del tutto assenti nel discorso del manager – soprattutto quando si parla di strategie di lungo periodo.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: Android Central