Display troppo grande per usarlo con una mano? Ci pensa Quick Cursor a semplificarvi la vita (foto)

Vincenzo Ronca

Negli ultimi anni abbiamo assistito al progressivo incremento delle dimensioni dei display degli smartphone, questo sicuramente è un punto a favore della fruibilità dei contenuti multimediali e allo stesso tempo uno a sfavore della maneggiabilità dei dispositivi in contesti dinamici, quando a disposizione si ha soltanto una mano. Per ovviare a questo contro c’è Quick Cursor, un’app che offre la possibilità di raggiungere tutte le porzioni dello schermo interagendo attivamente solo con una sua piccola parte. L’idea alla base è la stessa che ha ispirato diverse modalità d’uso a una mano che abbiamo visto in passato in Android, soprattutto grazie alle custom ROM più famose, ma ha il vantaggio di non necessitare dei permessi di root.

Semplice e immediato, non mancano le personalizzazioni

Quick Cursor è un’app sviluppata all’interno del forum XDA e questo è già una garanzia della sua affidabilità. I pochi permessi richiesti per funzionare riguardano l’accessibilità e la possibilità di generare contenuti in primo piano rispetto all’interfaccia utente, ovviamente entrambi necessari al suo corretto funzionamento. A primo impatto l’interfaccia utente dell’app non è estremamente intuitiva, è presente però una sorta di tutorial schematico per prendere confidenza con i comandi. Il concetto alla base di Quick Cursor è semplice: si interagisce con una porzione limitata del display, per praticità la zona inferiore prossima alla mano con cui si impugna il dispositivo, per raggiungere tutti i punti del display.

Usando Quick Cursor si avrà esattamente la sensazione di interagire con un touchpad virtuale, creato sul display dello smartphone, per interagire con parti dell’interfaccia che si trovano più in alto. Quick Cursor supporta anche i tocchi multipli, utili nel caso in cui con un dito si gestisce il touchpad virtuale e con l’altro si deve interagire con elementi particolari dell’interfaccia, come ad esempio la tendina delle notifiche.

In generale, Quick Cursor funziona molto bene: il touchpad virtuale si attiva con uno swipe dal margine al centro dello schermo e la gesture funziona sorprendentemente bene anche con le gesture di navigazione di Android 10. L’app è concepita per essere sempre attiva, il pad virtuale si attiva al bisogno e quando non è attiva ci si dimentica di averlo. I consumi in background sono davvero minimi.

L’app offre anche una vasta gamma di personalizzazioni: questo coinvolgono la gesture di attivazione del pad virtuale, la forma e il colore del cursore e la superficie del pad virtuale. Gran parte di queste personalizzazioni sono però riservate a chi sottoscrive la versione a pagamento dell’app.

Download gratuito e versione premium

Quick Cursor è disponibile al download gratuito sul Play Store. La versione gratuita non prevede alcun tipo di annuncio pubblicitario, mentre con la versione a pagamento (da 2,49€ una tantum) potrete accedere a diverse personalizzazioni prevalentemente di tipo grafico. Qui sotto vi lasciamo il badge per scaricarla e provarla subito.