Xiaomi punta alla fotocamera sotto al display: come potrebbe apparire il primo smartphone ad integrarla (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

Notch, fori, moduli pop-up o basculanti, saranno presto un ricordo del passato. Non è un segreto infatti che l’industria degli smartphone sia da tempo al lavoro ad un nuova evoluzione dei futuri display, che saranno capaci di integrare le fotocamere frontali. OPPO ce ne ha dato un primo (acerbo) assaggio e si vocifera che il prossimo top di gamma Nokia potrebbe vantare questa tecnologia. Ma anche tutti gli altri continuano a lavorarci a fari spenti, fra cui Xiaomi.

L’anno scorso infatti, il produttore cinese ha depositato in Cina un innovativo brevetto, emerso soltanto pochi giorni fa. Protagonista è uno smartphone, dotato di una peculiarità ancora inedita sul mercato: la fotocamera anteriore integrata sotto al display, vera e propria manna dal cielo per assicurare un design completamente borderless, senza la necessità di ricorrere a compromessi (notch o fori) o a soluzioni complicate (pop-up e moduli basculanti).

LEGGI ANCHE: Xiaomi e Redmi: ecco i 15 nuovi modelli che ci attendono nel 2020

La tecnologia consentirà ad una piccola porzione del display di rendersi traslucida all’occorrenza, per permettere alla fotocamera sottostante di svolgere il suo compito. Xiaomi immagina di posizionare la fotocamera al centro o sul lato sinistro della parte superiore del display, ma in ogni caso risulterà del tutto invisibile durante l’utilizzo tradizionale del dispositivo. È ancora difficile ipotizzare quando questa tecnologia debutterà davvero sul mercato, ma tutto lascia pensare che nella seconda parte del 2020 potremo vedere i primi smartphone con fotocamera sotto al display.

Immagini Concept

Immagine Brevetto

Fonte: Let's Go Digital