Google rilascia la DP3 di Android 11: ecco tutte le novità, mentre la beta pubblica si avvicina per tutti (foto)

Vincenzo Ronca -

Google ha appena compiuto un nuovo e importante passo nella strada che ci porterà a scoprire tutte le novità di Android 11. Nelle ultime ore BigG ha rilasciato la terza Developer Preview, l’ultima prima delle tre beta pubbliche che saranno alla portata di tutti. Andiamo a vedere insieme le novità appena introdotte per la nuova DP di Android 11.

Di seguito elenchiamo le novità immediatamente visibili, quelle apportate all’interfaccia grafica:

  • Maggiore spaziatura per la gestione delle preferenze relative alle notifiche (la prima immagine si riferisce alla DP2, le restanti alla DP3).

  • Il menù dei volumi è stato rinominato in Sound, ci aspettiamo Suoni nella nostra lingua.

  • La freccia per espandere / restringere la notifica è più grande che nella DP2 (qui sotto vedete l’interfaccia relativa alla seconda DP e poi quella relativa alla DP3).

 

  • Possibilità di condividere la connessione internet attraverso USB Ethernet.

  • Tutte le notifiche possono essere eliminate con swipe, anche quelle relative a processi in corso.

  • Nuova gesture verso il basso (in senso verticale) per far tornare un’app scartata dal menù multitasking

  • La sensibilità delle gesture laterali può essere gestita in modo indipendente dall’utente.

Oltre alle novità prettamente grafiche, Google ha introdotto interessanti novità anche sotto il cofano, novità che interesseranno per lo più gli sviluppatori che stanno lavorando alle loro app per renderle compatibili con Android 11. Andiamo a vederle insieme nell’elenco che segue:

  • Motivazione dell’uscita dall’app, la quale sarà utile quando un’app si chiude in modo anomalo.
  • GWP-ASan heap analysis, uno strumento che ha lo scopo di fornire agli sviluppatori supporto nella risoluzione di problemi di sicurezza relativi alla memoria.
  • ADB Incremental, consistente in una nuova modalità di installazione degli apk che ha lo scopo di velocizzare il processo nel caso di file molto grandi (più di 2 GB).
  • Wireless Debugging, per effettuare il debug del codice non sarà più necessaria la connessione con il PC ma basterà una rete Wi-Fi.
  • Maggior controllo sugli accessi alle app, questo fornirà un maggior controllo agli sviluppatori e incrementerà la sicurezza delle app stesse.

Per maggiori dettagli tecnici sulle novità introdotte con la DP3 di Android 11 vi invitiamo a leggere la documentazione completa rilasciata da Google, disponibile a questo indirizzo.

Se invece foste interessati a provare subito la nuova DP di Android 11, questo è l’indirizzo per scaricare l’immagine di sistema. Vi ricordiamo che le Developer Preview sono compatibili con tutte le generazioni di Pixel eccetto la prima. Precisiamo che si tratta ancora di versioni destinate agli sviluppatori, se non siete sicuri di cosa state facendo leggete prima la documentazione e la procedura d’installazione.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News.

Via: 9to5Google