Usate Gboard? Sì, la barra spaziatrice è cambiata, e non solo quella (aggiornato)

Lorenzo Delli -

Se oggi, utilizzando Gboard, vi sembrava di trovare qualcosa di diverso ad accogliervi potete dormire sonni tranquilli, non siete i soli! La barra spaziatrice della celebre tastiera firmata Google è infatti cambiata, a patto che abbiate un’unica lingua tra i vocabolari in uso.

Fino a ieri, o comunque fino a qualche giorno fa, la barra spaziatrice era vuota, priva quindi di scritte. Nel caso invece aveste due o più vocabolari, come ad esempio quello italiano e inglese, la tastiera riportava la dicitura IT●EN ad indicare la possibilità di passare dall’uno all’altro.

LEGGI ANCHE: Migliori controller compatibili con Google Stadia

Sta di fatto che adesso la barra spaziatrice ospita un scritta Google al suo centro. Ad alcuni utenti la novità non è proprio andata giù. C’era davvero bisogno di un marchio costante e così in bella vista? In ogni caso, se settate due lingue lascerà il posto alla dicitura IT●”seconda lingua”. Come anticipato nel titolo poi, c’è un’altra novità che forse vi era sfuggita: è sparito il pulsante con la G colorata utile a fare ricerche per poter incollare direttamente in chat o nel testo link utili.

In realtà la funzionalità c’è ancora, è solo leggermente nascosta e meno evidente rispetto alla G colorata. Aprendo Gboard in un qualsiasi campo di testo, basta premere sui tre puntini subito a sinistra dell’icona a forma di microfono, cercare l’icona con il simbolo della lente di ingrandimento, tenerci premuto e trascinarla sulla barra rapida che ospita ad esempio i pulsanti dedicati a GIF, adesivi e appunti.

Se non altro è rimasta immutata la comoda funzionalità relativa alla barra spaziatrice che permette di “navigare” tra i caratteri di una parola muovendo il cursore con swipe calibrati sulla barra stessa.

Aggiornamento11/04/2020

A quanto pare la polemica che si è scatenata anche oltre-oceano è servita a qualcosa. La scritta Google sulla barra spaziatrice come è arrivata se n’è andata, in silenzio, durante la notte. Il logo G per la ricerca invece no, ma come già spiegato nell’articolo è facile rimediare e anzi, ci pare una soluzione anche più elegante.