Richard Yu (Huawei) rivela: “Huawei Mate Xs viene venduto in perdita. Da febbraio -70 milioni”

Enrico Paccusse Alla faccia di chi si lamenta di un prezzo troppo alto

Una notizia destinata a far discutere, non ne abbiamo dubbi. A parlare è l’amministratore delegato della divisione Consumer Business di Huawei, Richard Yu, a seguito della recente presentazione di Huawei P40.

A chi giudica gli smartphone moderni troppo costosi, il manager risponde tirando in ballo l’alto prezzo delle componenti. Volete un esempio? Un singolo sensore nel modulo fotografico della nuova serie P40 può costare più di 100 dollari.

LEGGI ANCHE: Come installare il Play Store e le app Google sugli ultimi Huawei

Questa situazione porta la società addirittura a rimetterci soldi, in alcune circostanze. Secondo le parole di Yu, Huawei avrebbe perso trai 60 e i 70 milioni di dollari con le vendite di Mate XS iniziate lo scorso febbraio, proprio perché impossibile rientrare nelle spese (anche a prezzo pieno).

Il dispositivo, venduto ad oltre 2500 euro, è il secondo tentativo della società nel mondo degli smartphone flessibili. Ed è proprio in questa sua caratteristica che va ricercata la problematica: fintanto che i display flessibili saranno di nicchia, il prezzo di produzione rimarrà alto, e di conseguenza ci sarà poco o nessun margine sulle vendite. Una strategia rischiosa, destinata a dare i suoi frutti solo nel caso in cui la tecnologia dovesse prendere davvero piede.

Via: GizchinaFonte: ITHome
Huawei Mate Xs

Huawei Mate Xs

8.0

  • CPU
    octa 2.86 GHz
  • Display
    8" 2200 x 2480 px
  • RAM
    8 GB
  • Fotocamera
    40 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4500 mAh