Vorrei che il Pixel Launcher fosse così: 7 giorni con Lawnchair 2 (video)

Nicola Ligas -

Abituato ormai da anni al Pixel Launcher, ho provato varie alternative che gli somigliavano nel corso del tempo, ma nessuna è come Lawnchair 2. Questo launcher è letteralmente quello dei Pixel, sotto steroidi.

L’impostazione di base è esattamente la stessa, ma Lawnchair 2 vi permette di personalizzare tutto ciò che il Pixel Launcher decide per voi. Sono supportati gli icon pack, ovviamente, e le icone adattive, ma a parte questo potete personalizzare la forma delle icone, smussando o tagliando gli angoli a vostro piacimento. C’è anche il tema scuro, ma se volete può essere di un bel nero AMOLED, non grigio come sui Pixel. Lawnchair sembra quasi divertirsi in tutto questo: vi mette a disposizione ciò che molti altri launcher già permettono, e poi aggiunge qualcosa in più.

Ad esempio c’è la completa personalizzazione di At Glance, il widget dei Pixel che dovrebbe fornirvi le informazioni più essenziali, ma che solo grazie a Lawnchair diventa davvero completo (ancora non mi spiego perché, in tutto questo tempo, Google non ne abbia mai espanso le funzionalità, né permesso di personalizzarlo più di tanto).

E poi abbiamo la possibilità di creare categorie di applicazioni, raggruppate anche in modo automatico nel drawer, o di mandare a capo i nomi di quelle app che siano troppo lunghi per essere visualizzati in una sola riga, ed anche il widget di ricerca Google può essere ulteriormente personalizzato. Non mancano le gesture, configurabili con tante azioni diverse, non mancano backup e ripristino; anzi in realtà una cosina manca, cioè la possibilità di importate la configurazione da un altro launcher. Peccato, ma è una cosa che in fondo serve una volta sopra, e che potrà sempre arrivare in futuro. Già adesso Lawnchair è una valida alternativa, che insegna ad osare di più; ma ho come l’impressione che Google da quell’orecchio non ci senta.