Il Kirin 820 5G è ufficiale: la risposta di Huawei allo Snapdragon 765, e la fascia media ringrazia (foto)

Vincenzo Ronca

Qualche ora fa Honor ha ufficializzato il suo nuovo Honor 30S, il primo dispositivo del duo Huawei-Honor di fascia media che arriva con supporto al 5G. Questo ruota tutto attorno al nuovo SoC di Huawei, il Kirin 820 5G.

Il nuovo processore del produttore cinese è una chiara risposta allo Snapdragon 765 di Qualcomm: entrambi sono processori destinati ai dispositivi di fascia media e in grado di supportare le nuove reti 5G. Nello specifico, il nuovo Kirin 820 5G è un octa-core, con quattro core ARM Cortex A76 a frequenza massima di 2,36 GHz e altri quattro ARM Cortex A55 con frequenza massima di 2,22 GHz. Il processore è realizzato con processo produttivo a 7 nm e rispetto al suo predecessore promette un salto di performance pari al 27%.

LEGGI ANCHE: nerdiamo a casa – 5 consigli di Vezio

La GPU integrata nel Kirin 820 5G corrisponde alla Mali-G57 ed è costituita da sei core. Rispetto alla Mali-G52 GPU integrata nel predecessore Kirin 810 ci si aspetta un incremento delle performance pari al 38%. La nuova GPU integra le piattaforme GPU Turbo e Kirin Gaming+ 2.0. Anche l’aspetto dell’intelligenza artificiale è stato migliorato con la nuova Neural Processing Unit (NPU). Il punto forte è il modem integrato 5G, identico a quello che troviamo sul Kirin 990, il quale offre supporto alle reti 5G SA/NSA.

Dal punto di vista software, coerentemente a quanto offerto dal top di gamma Kirin 990, troviamo il supporto alla riduzione del rumore dell’immagine tramite lo standard BM3D SLR, alla riduzione del rumore video secondo il dual-domain e alla registrazione video a risoluzione 4K e a 60fps.

Via: XDA