Cos’è successo ad Antutu? Le sue app sono scomparse dal Play Store, il motivo sembra ovvio (aggiornato: risposta di Antutu)

Vincenzo Ronca -

Antutu è una delle piattaforme per eseguire benchmark, i test sui dispositivi per valutare le performance in base all’hardware integrato, più note nel mondo Android e iOS. Nelle ultime ore le sue app sono scomparse dal Play Store.

Le app coinvolte sono Antutu 3DBench, Antutu Benchmark e AItutu Benchmark e sono tutte sparite dal Play Store di Google. Il motivo andrebbe ricercato nella proprietà delle app stesse: stando a quanto accertato da Android Police, l’informativa sulla privacy del sito Antutu rimanda a quella ospitata sul sito di Cheetah Mobile. Cheetah Mobile è la stessa azienda che è già stata bandita dal Play Store da parte di Google per ripetute violazioni della sua politica sulla privacy.

LEGGI ANCHE: come ottenere il tema scuro su WhatsApp

Sul sito di Antutu non viene esplicitamente menzionata Cheetah Mobile ma, stando al database Tianyancha, il presidente di Beijing Antutu Technology è lo stesso che ricopre la carica di CEO di Cheetah Mobile.

Al momento sul sito Antutu i link al Play Store sono stati sostituiti con semplici link per il download e installazione manuale degli apk. Antutu attualmente non ha commentato ufficialmente la vicenda.

Aggiornamento09/03/2020 ore 15:15

Non si è fatta attendere poi troppo la risposta ufficiale di Antutu. L’azienda ha risposto direttamente con un’email ad Android Police. La sostanza di ciò che ha detto consiste nel fatto che Antutu non è completamente gestita da Cheetah Mobile, sebbene esiste un collegamento.

Antutu è stata fondata nel 2011 e solo nel 2014 Cheetah Mobile ha investito in Antutu. A partire da quel momento una parte di azioni, non è stata specificata la percentuale, di Antutu è passata sotto il controllo di Cheetah Mobile. Il collegamento relativo alla politica privacy delle due entità nasce dal fatto che Antutu si avvale del dipartimento legale di Cheetah Mobile. Antutu inoltre ha spiegato che il presidente di Beijing AnTuTu Technology Co. corrisponde a quello di Cheetah per esigenze di mercato, che tradotto significa che la stessa Cheetah Mobile ha imposto un suo uomo in Antutu in virtù dell’investimento attuato.

Antutu però ha anche assicurato che Fu Sheng, il presidente di Beijing AnTuTu Technology Co., non partecipa alla gestione aziendale di Antutu e ha anche riferito di aver chiesto a Cheetah Mobile di risolvere la questione, probabilmente riferendosi a una probabile sostituzione del presidente. Infine, Antutu si è detta speranzosa nell’ipotesi che Google riesamini la sua posizione relativamente alla rimozione delle app Antutu citate sopra.

Via: Android Police