Ci sono speranze per Android 11 sui Chromebook, Google ha iniziato i test su Chrome OS

Roberto Artigiani

Google ha da poco rilasciato la primissima versione della prossima iterazione del robottino verde: Android 11. A quanto emerso oggi, la Developer Preview segna anche l’inizio dei test su Chrome OS. La cosa è diventata evidente quando è stato scovato del codice in un nuovo progetto pubblico.

Lla stringa “eve-arc-r” a prima vista risulterà totalmente oscura ai più, ma analizzando le singole parti otteniamo che “eve” è il nome usato internamente per i Google Pixelbook, “arc” sta per “Android Runtime for Chrome” infine “r” è la lettera associata ad Android 11.

Scavando nel codice scritto dallo stesso utente, i tipi di 9To5Google inoltre hanno scoperto riferimenti ad altri dispositivi coinvolti nel test tra cui il tablet Lenovo IdeaPad Duet e un termine legato ai Chromebook dotati di processore Intel di decima generazione – forse un nuovo segno che i vodiferati Samsung Galaxy Chromebook non sono frutto della fantasia.

LEGGI ANCHE: Non avete ancora ricevuto il tema scuro su WhatsApp?

Gli indizi non si fermano qui e dicono anche che cambierà il modo in cui Chrome OS fa girare Android. Finora infatti il robottino verde lavora in un “contenitore” all’interno del kernel Linux, mentre dalla prossima versione si prospetta un passaggio al “metodo ARCVM”. In poche parole il sistema creerà una macchina virtuale separata con il suo kernel per proteggere il kernel core. La novità, se venisse confermata, sarebbe coerente con quanto avviene quando si fanno partire app Linux su Chromebook e renderebbe il sideload decisamente più sicuro.

Ad ogni modo non è detto che tutto ciò troverà una sua concretizzazione. Già lo scorso anno c’erano stati dei test per portare Android 10 sui Chromebook, ma poi i lavori sono stati abbandonati. In passato questi dispositivi hanno saltato una versione passando direttamente da Android Nougat a Pie, la speranza è quindi che lo stesso possa avvenire ora, avendo saltato Android 10. Mettetevi comodo però, siamo sicuri che ci vorrà del tempo e probabilmente non si muoverà nulla fino all’inizio del prossimo anno.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: 9To5Google