Vivo Apex 2020 è così avanti che include tecnologie che in molti non useranno fino al prossimo anno (foto e video)

Nicola Ligas -

Vivo ha presentato il suo ultimo concept-phone della serie Apex, chiamato semplicemente Vivo Apex 2020. Al tuo interno c’è un concentrato di tecnologia tale, che molte delle novità introdotte non diventeranno mainstream prima del prossimo anno, nella migliore delle ipotesi. Lo smartphone avrebbe dovuto essere mostrato al Mobile World Congress 2020, la cui cancellazione ha impedito a Vivo di mostrare ad anima viva il telefono in carne ed ossa. Non sappiamo quindi nemmeno se e quando sarà possibile acquistarlo, ed un po’ di scetticismo rimane d’obbligo, considerando quanto sia avveniristico rispetto agli standard attuali.

Partiamo dal display: 6,45” full HD+ (1.080 x 2.330 pixel) waterfall, con i lati che spiovono in giù con una curvatura di ben 120°, molto più di quanto visto in passato da chiunque. Non ci sono pulsanti fisici, né porte di comunicazione. La ricarica avviene infatti solo via wireless (ci torneremo a breve) ed i pulsanti sono solo virtuali, una soluzione che in passato non ha mai convinto molto.

Non c’è nemmeno alcun notch o foro nello schermo. Per la prima volta infatti, abbiamo una fotocamera sotto al display. Si tratta di un sensore da 16 megapixel, nascosto appunto sotto lo strato di vetro che riveste lo schermo, la cui trasmittanza è stata di 6 volte nella porzione corrispondente alla fotocamera, facendo al contempo anche affidamento sull’ottimizzazione software per esaltare gli scatti dei selfie. Il lettore di impronte digitali è anch’esso nascosto sotto al display, e dovrebbe essere possibile rilevare le impronte su un’area grande quanto metà dello schermo stesso.

Ritornando in tema fotografico, segnaliamo che sul retro abbiamo un sensore principale da 48 megapixel ultra stabilizzato (Vivo parla di “gimbal camera“, che dovrebbe garantire performance triple rispetto ad un OIS tradizionale), affiancato da uno zoom periscopico da 16 megapixel molto particolare. Quest’ultimo infatti non è una lente prime, ma a lunghezza variabile, che consente di spostare l’ingrandimento tra 5x e 7,5x.

Dicevamo prima della ricarica wireless. Anche quest’ultima è da record, essendo a ben 60W. Vivo afferma che una batteria da 2.000 mAh viene così caricata interamente in soli 20 minuti, ma l’azienda non ha svelato l’esatta capacità di Apex 2020. Il resto delle specifiche sono invece più o meno note: Snapdragon 865, 12 GB di RAM, 256 GB di storage, e supporto 5G. Lo smartphone pesa appena 169 grammi, che sono molti meno di quanto avremmo pensato, dimensioni di 157,25 × 66,2 × 8,8 mm, ed è basato su Android 10. Sarà disponibile nei colori nero e bianco, anche se la disponibilità stessa è un concetto vago, perché non ci sono date, prezzo o altro.

Del resto alle aziende cinesi piace stupire con dei concept-phone avveniristici, vedi Mi MIX Alpha di Xiaomi, ma un conto è mostrarli (cosa che per altro Vivo non ha ancora fatto) un altro è metterli in commercio. Vi faremo sapere nel corso dei prossimi mesi come andranno le cose con questo Apex 2020. Intanto vi lasciamo il suo avveniristico trailer di lancio, diverse immagini ed anche il comunicato stampa originale in italiano.

APEX 2020 di vivo rivela una visione futuristica “oltre l’immaginazione”

Il Super Unibody Design e l’Edgeless Display offrono un’esperienza visiva straordinaria, con caratteristiche fotografiche innovative che spostano avanti i confini per gli smartphone del futuro

Pechino/Milano, 28 febbraio 2020 – vivo presenta oggi la terza generazione del proprio concept smartphone APEX, l’ APEX 2020. Conosciuto per le sue iconiche innovazioni, APEX 2020 si basa sul successo delle precedenti generazioni al fine di offrire tecnologie ancora più all’avanguardia, mostra anche la continua ricerca da parte di vivo di un’estetica sbalorditiva. Questo prodotto di punta rappresenta un importante passo avanti nel campo degli effetti visivi, grazie alla profonda conoscenza di vivo sia del settore degli smartphone sia dei consumatori. APEX 2020 dimostra concretamente quanto vivo sia impegnata a esplorare il design degli smartphone del futuro.

APEX 2020 è dotato di un display FullView™ senza bordi a 120° che elimina i bordi laterali e la cornice dalla vista frontale. Equipaggiato con la  In-Display Camera e il vivo Wireless Super FlashCharge 60W, APEX 2020 ha un design Super Unibody che significa senza aperture; il telefono incorpora inoltre una struttura di tipo cardanico nella telecamera principale, dotata di uno zoom ottico continuo 5x-7,5x. Questa caratteristica mette in mostra le ultime creazioni di vivo e i progetti futuri dell’azienda, volti ad offrire straordinari effetti visivi e a migliorare in futuro la produzione di immagini fotografiche.

Harry Hong, Product General Manager di vivo ha dichiarato: “APEX non è mai solo un mero ‘concept phone’ . È una creazione che va oltre qualsiasi precedente esperienza portata dalla tecnologia mobile. Attraverso APEX 2020 siamo orgogliosi di vedere come la visione di vivo prende vita, cioè quella di un’azienda di tecnologia che che continua a spingere sempre più in là i confini della tecnologia mobile ed esplorare ciò che è al di fuori dell’ordinario. Dimostra anche la nostra ambizione nel voler realizzare le nostre aspirazioni passo dopo passo. vivo continuerà ad implementare le tecnologie innovative di APEX, consentendo a un numero crescente di consumatori di sfruttare queste tecnologie”.

Display FullView™ senza bordi a 120°, per superare i limiti

Con APEX 2020 vivo ha proseguito l’esplorazione e la ricerca di un vero e proprio display FullView™ e di un design Super Unibody. Lo smartphone è, infatti, avvolto da un display curvo da 6,45 pollici che si piega con un angolo fino a 120° su entrambi i lati. Questo aiuta a rimuovere i bordi laterali e le cornici dalla vista frontale, traducendosi così in un display ultra bezel-less.

Per motivazioni sia estetiche sia pratiche i pulsanti fisici sono sostituiti da un pulsante virtuale di rilevamento della pressione. APEX 2020 è un’altra perfetta fusione tra effetto visivo, tocco naturale e interazione uomo-dispositivo.

In-Display Camera, mostrare l’invisibile

La camera In-Display dell’APEX 2020 introduce una nuova possibilità di telecamera frontale non meccanica. La telecamera frontale “invisibile” presenta un design Super Unibody senza aperture e amplia lo spazio interno.

Grazie all’innovazione nella disposizione dei pixel dello schermo e nel design dei circuiti, APEX 2020 ha aumentato con successo la trasmittanza della luce dello schermo proprio sopra la fotocamera frontale, fino a 6 volte[1] rispetto all’altra sezione dello schermo; inoltre il dispositvo riduce efficacemente le interferenze ottiche, la diffrazione e i flash accidentali attraverso una serie di ottimizzazioni dell’algoritmo finalizzate ad aumentare la qualità delle fotografie.

Zoom ottico continuo 5x-7,5x – Alta risoluzione + alta qualità dell’immagine, cattura di un mondo più chiaro

Attualmente, quasi tutte le soluzioni di zoom ad alto ingrandimento del settore dipendono dallo zoom ibrido. Poiché diversi ingrandimenti fissi devono essere integrati con algoritmi digitali per garantire l’output, c’è un certo livello di compromesso nella risoluzione e nella qualità dell’immagine. APEX 2020 è dotato di Zoom Ottico Continuo, ponendosì così il primo smartphone al mondo dotato di zoom continuo ad alto ingrandimento. lo zoom ottico continuo può raggiungere ingrandimenti elevati tra 5x-7,5x e produrre immagini ad alta risoluzione e qualità invece che riempire le lunghezze focali con l’ingrandimento digitale. Lo zoom consente a chi lo utilizza di preservare la chiarezza di tutti i momenti, valorizzando efficacemente ogni dettaglio.

APEX 2020 è dotato di una “combinazione di lenti a 4 gruppi”, con due lenti fisse e due lenti mobili, che consente di ottenere uno zoom continuo ad alto ingrandimento e una messa a fuoco in tempo reale in un’unica volta. Grazie al supporto di una struttura a periscopio, l’intero modulo ha uno spessore di soli 6,2 mm, rendendo così possibile l’integrazione di questo obiettivo di livello professionale nel corpo ultrasottile dell’APEX. Per migliorare ulteriormente la qualità dell’immagine, vivo ha incorporato un algoritmo multi-frame, in modo che anche le immagini a distanza possano essere facilmente catturate.

Fotocamera principale a stabilizzazione cardanica – Struttura meccanica stabile e fotografia notturna potenziata

Con l’avvento dell’era 5G, la creazione di contenuti video per smartphone diventa una priorità ancora più importante. Per soddisfare la richiesta degli utenti di registrare la vita quotidiana ovunque e in qualsiasi momento, vivo integra con successo una struttura di tipo cardanico nella telecamera principale di APEX 2020, frutto di uno sviluppo tecnico di lungo termine e molteplici esperimenti. Il dispositivo raggiunge la stabilizzazione ottica nelle direzioni avanti-indietro e sinistra-destra con prestazioni migliorate. Test di laboratorio dimostrano che, rispetto al sistema OIS tradizionale, il suo angolo di stabilizzazione è esteso del 200%[2]. Inoltre, l’integrità dell’immagine viene preservata in misura maggiore.

Questa caratteristica riduce notevolmente l’offuscamento causato da una mano che trema. Gli utenti possono anche godersi non solo foto ma anche video in fluidità. Non c’è bisogno di portare con sé altre attrezzature, poiché questo strumento è immediatamente disponibile per catturare i momenti meravigliosi. La stabilità della fotocamera portatile può anche estendere efficacemente il tempo di esposizione in modo che APEX 2020 abbia anche maggiori capacità per la fotografia notturna.

vivo Wireless Super FlashCharge 60W, sfidando i limiti

APEX 2020 è dotato della rivoluzionaria ricarica vivo Wireless Super FlashCharge 60W, che ricarica un portatile con una batteria da 2000mAh in soli 20 minuti[3], offrendo un’esperienza di ricarica più veloce rispetto a quella tradizionale flash con cavo.

Oltre a ciò, APEX 2020 è anche dotato di tecnologie all’avanguardia come SoundCasting Screen di terza generazione, la rimozione istantanea del photobombing e la messa a fuoco automatica con voice tracking. APEX 2020 offre un’esperienza utente a tutto tondo e infinite sorprese all’industria degli smartphone e agli utilizzatori di tutto il mondo.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “28/02 – Rete 5G di Wind Tre, Vivo Apex 2020 e Cartoomics con Games Week” su Spreaker.

Via: The Verge
vivo