Huawei Mate XS ufficiale: il pieghevole di Huawei arriva finalmente in Italia, anche se a caro prezzo

Lorenzo Delli -

Tra i big che avevano promesso di lanciare un dispositivo pieghevole mancava solo Huawei, e finalmente è arrivato il momento per l’Italia di accoglierlo. Stiamo parlando di Huawei Mate XS, il bellissimo (e non affatto compatto) pieghevole di casa Huawei che si affaccia finalmente sul mercato italiano.

I nostri lettori più attenti potrebbero però aver già notato che il nome del dispositivo è cambiato. Inizialmente doveva arrivare in Italia il modello Mate X, da noi testato svariate settimane fa proprio nella sede milanese di Huawei. Mate XS, il modello di cui vi parliamo oggi, è un variante che Huawei sta già vendendo da qualche settimana in Cina, migliorata ovviamente sotto molti aspetti e il cui arrivo in Europa era già stato anticipato dallo stesso Richard Yu a metà dicembre.

Huawei Mate XS Scheda Tecnica

Il display flessibile è realizzato con una innovativa struttura polimerica a due strati di poliimmide di grado aerospaziale uniti da un adesivo trasparente. Il materiale unico, afferma Huawei, permette la riproduzione di un’ottima qualità dell’immagine, saturazione e luminosità, il tutto mantenendo un elevato grado di durabilità. Può essere usato da chiuso, anche per scattarsi selfie sfruttando le 4 fotocamere posteriori e lo schermo secondario da ben 6,38″, sia totalmente aperto. In questa configurazione lo schermo raggiunge gli 8″ di diagonale.

  • Schermo OLED:
    • da chiuso: 6,6″ principale + 6,38″ secondario
    • da aperto: 8″
  • Processore: Huawei Kirin 990 5G octa-core (5G e 5G+4G Dual SIM Dual Standby)
  • RAM: 8 GB
  • Memoria interna: 512 GB
  • Fotocamera anteriore/posteriore: SuperSensing quad-camera Leica – 40 megapixel f/1.8 + grandangolare 16 megapixel f/2.2 + teleobiettivo 8 megapixel OIS f/2.4 (zoom ibrido 30x) + ToF, fino a ISO 204.800
  • Batteria: 4.500 mAh con SuperCharge a 55 W

Non è solo la scheda tecnica ad essere diversa. Le fotocamere, come accennato nella scheda tecnica, sono diventate 4. Il pulsante dedicato allo spiegamento completo dello schermo è più grande di quello originale, e sia la cerniera nel mezzo che la parte da cui si sostiene il dispositivo (quello dove si trovano anche le fotocamere) sono ben diverse dal passato.

Lato software, uno dei dettagli più importanti considerata la disputa USA/Huawei, troviamo Android 10 basato su EMUI 10.0.1. Il dispositivo dovrebbe essere sprovvisto delle Google Apps. In ogni caso è uno dei primi ad arrivare sul mercato con la versione rinnovata di HUAWEI AppGallery, lo store di applicazioni ufficiale di Huawei. Troviamo anche il supporto alla funzione Multi-screen Collaboration che permette di trasferire file tra HUAWEI Mate Xs e un HUAWEI MateBook, oltre a controllare i due sistemi da un unico display. Il multitasking viene gestito da una particolare modalità Multi Window che consente di visualizzare e interagire con due app affiancate. Una dock situata nella parte inferiore dello schermo offre all’utenza uno spazio preposto al collegamento rapido delle applicazioni. E se ne può aprire anche una terza grazie alla funzione Floating Windows, quasi come fossimo su un PC.

Uscita e prezzo

La data di uscita vera e propria deve ancora essere comunicata, ma si tratta veramente di giorni. Il prezzo invece è noto: ben 2.599€. Non poco. È pur vero che si tratta di un dispositivo di nicchia.

Foto

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News.