Ecco com’è fatto Samsung Galaxy Z Flip all’interno: il pieghevole più resistente prende 2 su 10 su iFixit (aggiornato)

Vincenzo Ronca -

Samsung è tornata prepotentemente alla ribalta nel segmento degli smartphone pieghevoli con il suo nuovo Galaxy Z Flip, che abbiamo appena recensito, cercando anche di non ripetere gli errori commessi con Galaxy Fold lo scorso anno.

Questo si è ovviamente riflesso nell’implementazione del display pieghevole, usando materiali più resistenti e allo stesso tempo adatti a piegature frequenti. Galaxy Z Flip può fare affidamento sulla resistenza conferita dal vetro ultra sottile, sicuramente più robusto rispetto alla poliammide usata per il Galaxy Fold. Ma stando a quanto appena rivelato da SamMobile, non è solo questo a contribuire alla sua resistenza: Samsung avrebbe infatti implementato anche un ulteriore strato sotto il display con l’esclusivo scopo di assorbire gli urti.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Z Flip, la recensione

Come vedete dall’illustrazione presente nella galleria a fine articolo, Galaxy Z Flip presenta uno strato in grado di assorbire gli urti immediatamente sotto il vetro ultra sottile. Superiormente allo strato di vetro, come mostrato anche dal buon Zach, Samsung ha implementato un sottile strato in plastica protettivo. Lo strato di vetro e quello per l’assorbimento degli urti sono, apparentemente, le uniche differenze nella realizzazione del display di Z Flip rispetto al Fold dello scorso anno.

Aggiornamento19/02/2020

Anche iFixit dice la sua, conferendo a Z Flip un punteggio di riparabilità di 2 su 10. Sempre meglio di Motorola Razr 2020, ma comunque non certo quanto avremmo auspicato. La polvere è una grande minaccia per la cerniera dello Z Flip, e come potete vedere nel video qui sotto, ne entra un sacco. C’è da dire che Samsung non ha mai detto che lo smartphone sia in qualche modo resistente a polvere o acqua, e che quella usata da iFixit sembra essere una polverina particolarmente sottile, ed il test stesso è senz’altro “estremo” e non rappresentativo di un uso coscienzioso. Detto ciò, è evidente che ci vuole molta cura nel maneggiarlo, come sempre ribadito dall’azienda stessa.

In realtà, i difetti di riparabilità principali citati da iFixit sembrano tutti un po’ veniali, nel senso che si potevano evitare. La difficoltà nell’aprirlo appare infatti gratuita, non essendo poi alcuna protezione IP, ed il rimpiazzo della batteria è reso complesso dallo scarso cable management e dalla presenza di un forte adesivo. C’è poi il discorso usura, cui i componenti coinvolti nella piegatura saranno senz’altro più soggetti, ma questa è una cosa che potremo verificare solo col passare del tempo.

Riguardo infine il discorso sullo strato di vetro ultrasottile, che tanto ha fatto discutere ultimamente, iFixit regala frasi piuttosto perentorie in merito. “Nel complesso, giudichiamo questo display vetro-plasticoso con un solido “meh”. Il “vetro ultrasottile” è vero e proprio vetro – sotto uno strato di plastica – ma non sembra vetro, né fornisce una superficie più resistente ai graffi rispetto al Fold. A meno che non siate un influencer che vive in un appartamento cristallino e che ha bisogno delle novità più hot del momento, questo telefono probabilmente non fa per voi. In ogni caso, qui sotto trovate il teardown completo, casomai voleste consultarlo.

Samsung Galaxy Z Flip

Samsung Galaxy Z Flip

8.0

  • CPU
    octa 2.96 GHz
  • Display
    6,7" FHD+ / 1080 x 2520 px
  • RAM
    8 GB
  • Frontale
    10 Mpx ƒ/2.4
  • Fotocamera
    12 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    3300 mAh
iFixit