Ecco perché non abbiamo ancora visto un OnePlus pieghevole

Vincenzo Ronca Questa tematica, e anche altro, è stata affrontata in un'intervista a Pete Lau, CEO di OnePlus.

Nell’ultimo anno abbiamo visto i dispositivi pieghevoli sempre più affacciarsi sul mercato globale, il Galaxy Fold di Samsung è ormai disponibile mentre il nuovo Moto razr 2019 e Huawei Mate X sono in arrivo. OnePlus è uno dei principali attori nel mercato smartphone, eppure sembra che ancora non abbia nemmeno pensato al suo pieghevole.

The Verge ha intervistato Pete Lau – CEO di OnePlus – affrontando diversi argomenti ma con particolare focalizzazione sul tema dei pieghevoli. Senza mezzi termini, il numero 1 di OnePlus ha affermato che secondo l’azienda la tecnologia non è ancora pronta per offrire dei vantaggi significativi con gli smartphone pieghevoli rapportati a quanto costano. E allora cosa deve cambiare affinché questa proporzione si muova a favore dei pieghevoli? Secondo Lau la risposta è insita nei materiali di realizzazione.

LEGGI ANCHE: SmartWorld diventa un podcast

Secondo il CEO di OnePlus, gli attuali materiali di realizzazione dei display pieghevoli non sono tali da implicare piegature “nitide” e, allo stesso tempo, offrire una buona protezione del display come quelli usati per i device non pieghevoli. Pete Lau non si è detto convinto nemmeno del meccanismo di piegatura del nuovo Moto razr, che dovrebbe assicurare un angolo meno pronunciato.

Quindi si è parlato di un’altra caratteristica attualmente ritenuta molto importante negli smartphone: OnePlus continuerà a dedicare particolare attenzione allo sviluppo, sia hardware che software, del comparto fotografico. Pete Lau ha sottolineato che non crede nella corsa al numero più alto di sensori, avere tante fotocamere non implica automaticamente una qualità migliore degli scatti. OnePlus dedica molte risorse allo sviluppo software dell’imaging, avendo istituito un team di sviluppatori che lavora solo a quello.

Infine è stato affrontato il capitolo prezzi: per Lau sarà impossibile non seguire il trend del mercato, che sicuramente è orientato verso l’aumento costante dei prezzi degli smartphone, soprattutto se top di gamma. Sicuramente l’azienda continuerà a focalizzarsi sulla qualità del prodotto, non perdendo di vista l’efficienza che porta a risparmi che i giganti della tecnologia non possono avere.