Lei Jun festeggia i 10 anni di Xiaomi parlando della storia dietro al nome (che sarebbe potuto essere Xuande)

Enrico Paccusse -

10 anni fa, nessuno di voi, neanche il più geek, avrebbe potuto sapere qualcosa su Xiaomi. Perché? Semplicemente non esisteva. Il primo incontro tra i fondatori è infatti avvenuto il 14 gennaio del 2010.

Tra i vari argomenti di discussione iniziale ci fu proprio il nome, come ha rivelato Lei Jun in occasione del decimo anniversario. Tra i candidati che furono vicini ad essere scelti, Red First (abbandonato per problemi legati al marchio) e Xuande (accantonato perché non suonava proprio benissimo). Ma anche Qianqi, Antong, Lingxi e centinaia di altre ipotesi furono valutate.

LEGGI ANCHE: Huawei spedisce ogni mese 100.000 Mate X!

Alla fine, come tutti sappiamo, è stato Xiaomi a prevalere. Ed assieme a lui anche il marchio, formato dalle due lettere finali, “MI”. Queste due lettere, a detta di Lei Jun, hanno un paio di significati: in primo luogo, Mobile Internet, per l’estrema fiducia che la società riponeva nella mobilità associata al mondo dell’internet.

In secondo luogo, Mission Impossible, proprio perché la sfida di imporsi tra i tanti produttori dell’epoca sembrava di fatto impossibile. 10 anni dopo,  Xiaomi rappresenta una solida realtà nel mondo degli smartphone (e non solo). Noi ne siamo felici, e voi?

Via: Gizmochina