Ecco la lista dei motori di ricerca alternativi che Google proporrà su Android nell’UE, a sorpresa in testa c’è DuckDuckGo!

Roberto Artigiani -

Come conseguenza della procedura antitrust portata avanti dal’Unione Europea, Google sarà costretta a proporre agli utenti Android nel Vecchio Continente la possibilità di usare di default altri motori di ricerca oltre al proprio.  Per identificare i possibili candidati da presentare BigG ha tenuto una specie di asta, da cui è emerso un po’ a sorpresa per primo DuckDuckGo, il motore focalizzato sul rispetto della Privacy.

DuckDuckGo sarà infatti presente in tutti i mercati europei, mentre un nome molto più importante come Bing verrà proposto solamente per il Regno Unito. Gli altri in ordine di frequenza sono: Info.com, Privacy Wall, Qwant, Yandex e GMX.

LEGGI ANCHE: I 12 smartphone del decennio

Bisogna però notare che si è trattato di un’asta a pagamento e non di una misurazione che tenesse conto della popolarità o di altri parametri simili. In altre parole si potrebbe anche leggerne i risultati in chiave inversa. In quest’ottica appare più comprensibile come un nome meno noto come DuckDuckGo sia disposto a pagare per poter ottenere visibilità e risulta più accettabile il pessimo risultato di Bing che al contrario non ha bisogno di molta pubblicità.

Se poi si vuole, si può discutere quanto l’approccio scelto sia valido ed equo nel designare la lista delle alternative, ma questo è un altro discorso. Comunque non ci stupirebbe più di tanto se un domani l’Unione Europea avesse qualcosa da ridire in merito. Ad ogni modo la lista delle alternative inizierà ad essere presentata agli utenti di nuovi dispositivi Android dal prossimo marzo per poi arrivare successivamente a tutti gli altri.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: Android Central