Cercate un client email che abbia a cuore la vostra privacy? FairEmail potrebbe offrirvi anche di più (foto)

Vincenzo Ronca

Il tema dei client email è molto delicato e richiede particolare attenzione da parte degli utenti perché la gestione delle caselle di posta investe aspetti professionali e personali, e dunque il suo corretto funzionamento rappresenta una priorità assoluta nella scelta finale. Gmail, almeno nel mondo dei dispositivi Android, rappresenta un punto di riferimento per efficienza e accessibilità. Ma per chi non è soddisfatto del controllo sulla privacy dato dalle attuali alternative, FairEmail potrebbe essere la scelta giusta.

Non solo privacy, personalizzazione ed efficienza

Abbiamo provato FairEmail per diversi giorni, appunto per valutarne l’efficienza nel tempo come anche l’incidenza sull’autonomia, considerando il contesto e la frequenza di utilizzo di un client di posta elettronica. L’app si presenta da subito molto bene per chi è attento alla propria privacy: i permessi richiesti sono tutti giustificati e non vengono mai proposti automaticamente all’utente, sarà sempre l’utente ad accedere all’opzione per concederli dopo averne letto le motivazioni. Al primo avvio troverete anche un avviso per informarvi della poca ottimizzazione di alcune funzionalità, in favore della vostra privacy.

La configurazione delle caselle di posta è molto semplificata: nella schermata principale è presente un’opzione per configurare velocemente gli account di posta ai quali è già stato effettuato l’accesso sul dispositivo, anche in questo caso sarà necessario concedere il permesso esplicito. Una volta effettuato l’accesso agli account si potranno visualizzare le varie caselle: il look è relativamente simile a Gmail, con una punta in più di funzionalità. Sono disponibili anche le gesture di scorrimento sui messaggi di posta, e sono anche personalizzabili.

Come anticipato il principale focus di FairEmail è la privacy dell’utente. Di seguito elenchiamo le principali feature in questo ambito:

  • Supporto agli standard di crittografia (OpenPGP e S/MIME).
  • Riformattazione automatica dei messaggi per prevenire le pratiche di phishing.
  • Richiesta di conferma per la visualizzazione delle immagini nei testi dei messaggi.
  • Richiesta di conferma per l’apertura dei link nei testi dei messaggi.
  • Riconoscimento e disattivazione automatica dei meccanismi di tracking nelle email.
  • Avvertimento nel caso in cui il messaggio non può essere autenticato.

La privacy però non è il solo fiore all’occhiello di FairEmail. L’app funziona egregiamente come un classico client di posta ma offre diverse opzioni di personalizzazione:

  • Nessun dato personale viene memorizzato su server di terze parti.
  • Utilizza tutti standard di tipo open-source come IMAP, SMTP, OpenPGP, S/MIME.
  • Interfaccia grafica semplificata, non presuppone HTML ritenuti non sicuri.
  • Nessun tipo di tracking.
  • Backup su server Google non previsto.

In circa una settimana di utilizzo non abbiamo rilevato particolari problematiche ma alcuni punti extra a suo favore oltre a quelli elencati: è molto apprezzata la disponibilità di tre comandi rapidi sotto la notifica di nuova email, corrispondenti all’opzione per cancellare, archiviare o segnare come letta l’email appena ricevuta. Molto interessanti le tantissime personalizzazioni, anche di natura tecnica, relative alla gestione di ogni singola casella di posta. L’impressione che abbiamo avuto è che FairEmail è un’app sia alla portata di tutti, ovvero dedicata a coloro che non vogliono spendere troppo tempo in personalizzazioni e configurazioni ma che sono interessati all’efficienza, ma anche a chi vuole gestire e personalizzare ogni dettaglio del proprio client email.

Inoltre, nelle email relative a newsletter commerciali verrà offerto anche un comodo pulsate per rimuovere l’iscrizione, rendendo visibile quell’opzione che spesso viene quasi nascosta da questa tipologia di servizi. Sono presenti anche diversi temi per personalizzare l’interfaccia grafica dell’app.

La cosa che potrebbe non piacere è la presenza perenne della notifica di monitoraggio degli account email, lo sviluppatore però ha fornito una chiara e dettagliata descrizione delle motivazioni per cui si è resa necessaria. A volte si riceverà una notifica relativa ad errori di sincronizzazione, probabilmente dovuti alla scarsa connessione di rete. Insomma, alla fine della prova siamo davvero tentati di usarla come app principale per la gestione delle email, anche l’incidenza sull’autonomia è assolutamente paragonabile ad una classica app del suo genere come Gmail.

FairEmail ha un altro e rilevante pregio: è un progetto open-source e come tale è aperto a qualsiasi proposta o azione di sviluppo da parte di chi è esperto ed interessato. Maggiori dettagli potrete trovarli alla pagina dedicata al progetto su GitHub.

Download gratuito

Tutto ciò che abbiamo descritto sopra è incluso totalmente, per un tempo illimitato e senza alcun tipo di annuncio pubblicitario nella versione gratuita di FairEmail disponibile sul Play Store. La versione premium costa 6,99€ una tantum e vi aprirà un nuovo mondo di funzionalità: ci sono i template personalizzati per le risposte rapide, diversi comandi rapidi come l’indirizzamento verso lo spam o il posticipo della notifica, l’autenticazione tramite impronta digitale alle diverse caselle di posta e tanto altro. Quanto abbiamo descritto può ritenersi solo un assaggio di un’app che include un mare di funzionalità e personalizzazioni: per farsi un’idea soggettiva e personale non vi resta che provarla, qui sotto trovate il badge per farlo.