Le licenze a vita di Cerberus hanno una data di scadenza (foto)

Matteo Bottin

Cerberus non è mai andata troppo d’accordo con le proprie licenze a vita: 4 anni fa l’azienda ritirò alcune licenze regalate per farsi pubblicità. Oggi sta succedendo più o meno la stessa cosa, ma in questo caso si parla di licenze comprate regolarmente.

Come si può leggere nel forum di supporto di Cerberus, alcuni utenti, che anni fa acquistarono la licenza a vita, ora stanno ricevendo delle email nelle quali è indicato che la licenza a vita sta per scadere. Com’è possibile?

Ce lo dice proprio Cerberus in una email inviata ad un suo cliente: in realtà le licenze “a vita” hanno una scadenza, e questa scadenza è settata a 8 anni dopo la data di acquisto. Questo periodo non è menzionato in alcun documento di termini e condizioni del servizio (qui quello di ottobre 2011) e nemmeno nella pagina dell’Android Market (quanto ci fa sentire vecchi, ndr) del 2011.

Beh, ora Cerberus dovrebbe semplicemente riattivare per altri 8 anni le licenze in scadenza, giusto? Sbagliato! Sempre secondo la email inviata dall’azienda, l’utente ora dovrebbe “continuare a supportare gli sviluppatori” dato che ha utilizzato per 8 anni un servizio al costo “di una birra”.

LEGGI ANCHE: Samsung al lavoro su un nuovo tablet con S-Pen, ma non sarà un Galaxy Tab S

Insomma, a quanto pare Cerberus vuole far sentire in colpa l’utente per aver pagato il prezzo scelto dall’azienda stessa 8 anni fa. E, per questo motivo, dovrebbe pagare di nuovo una nuova licenza. Vi sembra corretto?

Via: Android Police