Galaxy S11 e la fotografia: ecco la magia nella tecnologia dei nuovi sensori (video)

Vincenzo Ronca -

Samsung svelerà i suoi prossimi top di gamma, Galaxy S11, entro il prossimo febbraio 2020 e sappiamo con certezza che rappresenteranno un punto di svolta dal punto di vista fotografico rispetto al passato. Oggi capiamo ancora meglio in cosa consisterà questo rilevante passo in avanti.

La nuova tecnologia di sensori che Samsung impiegherà a partire dai prossimi Galaxy S11 si chiama ISOCELL Bright HMX ed è stato sviluppato in casa dal produttore sudcoreano: si tratta dello stesso sensore da 108 megapixel che abbiamo già visto all’opera su Xiaomi Mi Note 10. Il funzionamento hardware del sensore si basa sull’algoritmo ISOCELL Plus, per il quale ogni pixel è dotato di una sorta di barriera che lo protegge dalla “contaminazione cromatica” che proverrebbe dagli altri pixel adiacenti.

LEGGI ANCHE: votate il Mobile Awards 2019

Il nuovo sensore sviluppato da Samsung poi integra anche la tecnologia Tetracell, per la quale vengono fusi cluster di quattro pixel in un unico segmento ed ottenere una superficie utile più ampia. Questo dovrebbe riflettersi in un notevole miglioramento degli scatti con poca luminosità.

Non solo: secondo Ice Universe, Samsung avrebbe in cantiere una nuova tecnologia per i sensori fotografici successiva alla Tetracell e che sarebbe in grado di fondere ben 9 pixel in un unico segmento ed ottenere delle performance fotografiche ancora migliori grazie all’incremento della superficie utile di ogni pixel. Questa tecnica consiste esattamente nel pixel binning di cui parlavamo qualche giorno fa.

Al momento non siamo sicuri che Samsung integrerà quest’ultima trovata tecnologica nei prossimi Galaxy S11 o si limiterà a quanto descritto sopra. Potrebbe anche concretizzarsi l’ipotesi per cui solo Galaxy S11+ potrà godere dell’ultima novità. Torneremo ad aggiornarvi appena questo aspetto verrà ulteriormente chiarito.

Via: SamMobileFonte: Samsung