Nuovi guai con l’antitrust per Google: niente Android per i prossimi smartphone turchi?

Roberto Artigiani

Con una nota ufficiale Google ha comunicato ai suoi partner turchi che non potrà collaborare con loro sui prossimi smartphone Android che verranno lanciati nel Paese. Alla base di questa dichiarazione c’è una sentenza dell’antitrust della Turchia, a settembre 2018 infatti BigG era stata multata per circa 17,4 milioni di dollari per aver violato le leggi sulla competizione vendendo software mobile che non permetteva agli utenti di scegliere quale motore di ricerca utilizzare.

Lo scorso novembre poi l’autorità turca ha giudicato non sufficienti le modifiche apportate da Mountain View ai suoi contratti dal momento che il motore di ricerca di default ancora non poteva essere cambiato. Un multa giornaliera corrispondente allo 0,05% dei suoi incassi è stata definita finché non verranno soddisfatte tutte le richieste della corte. È stato anche fissato un termine di 60 giorni per adeguarsi, ma nonostante Google abbia dichiarato di essere al lavoro per risolvere la questione, ha inviato la comunicazione ai suoi partner.

LEGGI ANCHE: Cosa regalare a Natale

La procedura è stata avviata dopo che il gruppo Russo dietro al motore di ricerca Yandex aveva sporto denuncia per abuso di posizione dominante, posizione riconosciuta dall’antitrust che sta portando avanti anche un’altra investigazione sugli algoritmi usati da Google per ricerche e annunci pubblicitari. In ogni caso, gli utenti che hanno già uno smartphone continueranno a poter usare normalmente dispositivi e applicazioni.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: Reuters