OPPO Reno 10x Zoom siede al tavolo dei giganti: fotocamere promosse a pieni voti da DxOMark (foto)

Edoardo Carlo Ceretti Raggiunti i top di gamma della prima metà del 2019: merito del super zoom, ma non solo.

Reno 10x Zoom è stato il vero smartphone top di gamma di OPPO per questo 2019, un anno cruciale per il produttore cinese, che ha deciso di estendere le sue ambizioni anche al mercato internazionale. Nonostante sia sul mercato già da 6 mesi – tanto che OPPO ha già fatto uscire la serie Reno 2 – DxOMark ha deciso di metterlo alla prova ora, confermando quanto di buono avevamo colto nel corso della nostra recensione: il comparto fotografico è di caratura assoluta.

L’asso nella manica del dispositivo lo si può desumere già dal nome, ovvero lo Zoom 10x ibrido (ottico fino a 6x), che consente scatti impensabili per uno smartphone fino a soltanto pochi mesi fa. E non si tratta solo di promesse sulla carta, perché i risultati mettono in mostra ottimi dettagli, che iniziano a perdersi soltanto portando all’estremo la portata dello zoom.

LEGGI ANCHE: Cosa regalare a Natale 2019

Promossa anche la fotocamera ultra grandangolare, che su molti smartphone stenta, mentre su OPPO Reno 10x Zoom regala un buon livello di dettaglio (seppur non paragonabile al sensore principale). Molto bene anche bilanciamento del bianco ed esposizione, mentre da aggiustare la saturazione dei colori e il rumore digitale presente negli scatti notturni.

Niente male nemmeno la registrazione video, merito di un’ottima stabilizzazione dell’immagine e di un autofocus preciso, che stenta soltanto in condizioni di illuminazione scarsa.

Il punteggio totale, considerando quello relativo alle foto (125) e quello dei video (100) si attesta su un eccellente 116, che lo pone al livello di Huawei P30 Pro e Samsung Galaxy S10 5G, dunque meglio delle proposte firmate OnePlus, Xiaomi e Google per la prima metà del 2019. Sopra di lui ci sono soltanto dispositivi più recenti, usciti diversi mesi dopo, dunque possiamo dire che OPPO abbia ormai raggiunto l’Olimpo e che per il 2020 possa puntare a diventare un vero punto di riferimento per il settore.

Fonte: DxOMark
DxOMark