Come abilitare i Live Caption dei Pixel 4 su qualsiasi smartphone con Android 10 e permessi di root (video)

Vincenzo Ronca

Google ha recentemente presentato l’innovativa ed interessante funzionalità denominata Live Caption, quella che offre la possibilità di avere la trascrizione in tempo reale del contenuto multimediale riprodotto sul proprio dispositivo. Oggi vediamo come abilitarla su qualsiasi dispositivo sia aggiornato ad Android 10, mediante i permessi di root.

Google ha lanciato la funzionalità esclusivamente per Pixel 4, pianificando di lanciarla almeno per la terza generazione di Pixel. Questo ancora non è avvenuto e da XDA è emersa una guida per rendere le cose più veloci, a patto di aver acquisito i permessi di root e Magisk Manager installato. Di seguito elenchiamo i passaggi da eseguire:

  1. Controllare che tra le app di sistema sia presente Device Personalization Services.
  2. Installare la versione più recente dell’app, scaricandola da questo link.
  3. Aprire Magisk Manager ed installare il modulo SQLite for ARM aarch64 devices.
  4. Riavviare il dispositivo.
  5. Installate il modulo Magisk chiamato LiveCaption_Pixel.zip se soltanto aggiornato l’app Device Personalization Services, altrimenti installate questo modulo Magisk LiveCaption_nonPixel.zip.
  6. Riavviare il dispositivo.
  7. Andate a controllare nella sotto-sezione Accessibilità della sezione Audio delle impostazioni di sistema che sia presente l’opzione Live Caption (esempi qui sotto), successivamente potete abilitarla e godervi la novità.

LEGGI ANCHE: guida a tutte le offerte del Cyber Monday

Una volta completata con successo, affinché continui a funzionare, è importante non aggiornare l’app Device Personalization Services attraverso il Play Store. Per stare tranquilli basta disabilitare gli aggiornamenti automatici per l’app in questione.

La procedura è stata completata con successo su Pixel 3 e Pixel 2 XL, mentre da alcuni utenti del forum XDA è stato segnalato che funziona anche su Essential Phone e Redmi K20 con custom ROM basate su AOSP ed Android 10. Qualcuno ha provato ad attuarla su alcuni OnePlus aggiornati alla OxygenOS 10 senza successo. Qui sotto vi lasciamo un video d’esempio del suo funzionamento.