Agli USA Huawei non va proprio a genio: il ban potrebbe “peggiorare” in futuro

Matteo Bottin

La questione del ban degli USA nei confronti di Huawei sembra non avere fine: dopo la proroga di 90 giorni annunciata quasi due settimane fa, secondo Reuters le cose potrebbero mettersi peggio di quanto preventivato, e la colpa è tutta sul lato USA.

Secondo due fonti, infatti, le autorità americane starebbero cercando di aumentare i loro poteri per bloccare spedizioni da aziende straniere verso Huawei. Com’è possibile? Semplice: l’idea è quella di voler bloccare le spedizioni di oggetti non-sensibili (tipo i chip standard per telefoni) contenenti tecnologie di origine statunitense.

Insomma, anche se i prodotti sono costruiti fuori dagli USA, ma contengono tecnologia che arriva dagli Stati Uniti, allora non dovrebbero essere inviati a Huawei. Questa mossa non avrebbe solamente un impatto nei confronti di Huawei, ma di tutta l’economia mondiale, dato che darebbe un potere immenso nelle mani degli USA.

LEGGI ANCHE: Ban USA per Huawei: nuova proroga, altri 90 giorni di quiete prima della tempesta?

Stiamo pur sempre parlando di informazioni trapelate, dunque non c’è nulla di ufficiale: il tutto potrebbe risolversi con un nulla di fatto.

Fonte: Reuters