Daydream è morto, lunga vita alla Realtà Virtuale su smartphone! Google apre a tutti il software di Cardboard

Roberto Artigiani -

Nel 2014 l’arrivo di Cardboard era stato accolto con un certo entusiasmo: si trattava di uno dei primi kit fai-da-te per la realtà virtuale su smartphone, una tecnologia che sembrava essere sul punto di esplodere. Invece le cose sono andate diversamente e tutto è scivolato silenziosamente ai margini dell’attenzione generale. Google stessa dice di aver spedito più di 15 milioni di Cardboard, ma ha notato che il suo uso è calato nel tempo, fino ad arrivare alla comunicazione di chiusura di Daydream, lo scorso mese.

Ora che le attività sono ufficialmente cessate, Mountain View si allontana di un altro passo dal progetto aprendo il codice del visore e postando le sue specifiche tecniche online per chiunque sia interessato. In effetti la moda della Realtà Virtuale che ha travolto il settore della tecnologia nei primi anni del decennio sembra essere quasi del tutto passata, con le residue attenzioni rivolte verso le potenzialità della Realtà Aumentata.

LEGGI ANCHE: Il Black Friday si sta avvicinando

Google ha dichiarato che ora che il progetto è open source continuerà a contribuire al suo sviluppo aggiungendo nuove funzioni, ma al di là dell’annunciare l’arrivo di un pacchetto SDK per Unity, non ci sono molte altre promesse. Se volete dare un’occhiata alla documentazione per sviluppatori la potete trovare qui, mentre l’SDK di Cardboard è stato postato su GitHub.

Via: The Verge