Permessi di root per Google Pixel 4 e Pixel 4 XL: la guida completa (foto)

Vincenzo Ronca

I nuovi smartphone Made by Google sono arrivati da poche settimane e se non foste amanti dell’esperienza Android pura, o aveste comunque voglia di provare personalizzazioni particolari, non vi resta che affidarvi al mondo del modding. Di seguito riportiamo una guida dettagliata per acquisire i permessi di root sui nuovi Pixel 4 strutturata da XDA.

La premessa che va fatta prima di iniziare si riferisce ai dati contenuti nello smartphone: acquisendo i permessi di root verrà effettuato il reset completo, dunque assicuratevi di aver completato il backup di ciò che non volete perdere.

Scaricare la boot image

Il primo passo consiste nel selezionare e scaricare la boot image corretta relativa al dispositivo che state usando. La boot image consiste in quella parte di sistema operativo che consente l’avvio dello stesso sistema e si trova appunto all’interno dell’immagine globale di sistema (factory image). Per essere sicuri di scaricare la factory image giusta controllate la corrispondenza tra il numero build che avete installato ed il numero build di quella che state per scaricare. Potete reperire il numero build attuale attraverso le impostazioni di sistema del dispositivo. Successivamente potete scaricare la factory image dal sito ufficiale Google, di seguito vi lasciamo i link:

Una volta scaricata, bisognerà prima estrarre il contenuto del fil zip e successivamente estrarre il contenuto del file image-codicedispositivo–version.zip in esso contenuto. Successivamente, come mostrato dall’immagine qui sotto, dovrete individuare il file boot.img  dall’ultima cartella estratta e trasferirlo dal PC allo smartphone.

Patch della boot image con Magisk Manager

A questo punto è necessario installare l’app Magisk Manager, potete farlo scaricando ed installando manualmente l’apk direttamente da questo link. Una volta aperta l’app Magisk Manager, eseguite i seguenti passaggi:

  • Tappate su Install (prima immagine qui sotto).
  • Tappate su Select and Patch a file ed andate a selezionare il file boot.img che avete appena immesso nello smartphone.
  • Magisk eseguirà il patch del file boot.img e lo salverà come magisk_patched.img nella cartella Download.
  • Trasferite questo nuovo file nel vostro PC perché successivamente lo smartphone verrà resettato.

Abilitare lo sblocco del bootloader

Di default Android non consente lo sblocco del bootloader all’utente. Per abilitarlo sarà necessario attivare le Opzioni Sviluppatore andando a tappare 7 volte sulla voce Numero build, la quale si trova nelle impostazioni di sistema alla sezione Info dispositivo. Una volta abilitate sarà necessario recarsi alla voce Sblocco OEM contenuta nelle Opzioni Sviluppatore ed abilitarla.

Sblocco del bootloader

Attenzione perché è questo il passaggio dopo il quale il dispositivo verrà completamente resettato. Una volta abilitato lo sblocco OEM, spegnere lo smartphone e successivamente tenere premuto il tasto volume su e quello power finché il dispositivo non si avvia nel menù bootloader; successivamente collegare lo smartphone al PC e prepararsi ad eseguire i comandi ADB: se non li conoscete, leggete prima questa guida. Inviare il comando:

fastboot flashing unlock

Dopo aver completato lo sblocco del bootloader lo smartphone sarà anche riportato allo stato iniziale, completato resettato. A questo punto XDA non consiglia di riavviare il dispositivo per configurarlo da nuovo.

Flash della boot image con patch Magisk

A questo punto è giunto il momento di installare la boot image modificata con la patch da Magisk Manager, la quale permetterà l’avvio del sistema operativo anche con bootloader sbloccato. Rimanendo in ambiente ADB, con smartphone in modalità bootloader (volume su + tasto power), inviate il seguente comando:

fastboot flash boot path/to/magisk_patched.img

Ricordate di inserire il percorso del file magisk_patched.img che prima avete trasferito dallo smartphone al PC. Qui sotto abbiamo riportato un esempio pratico.

Successivamente eseguite il comando ADB per riavviare lo smartphone:

fastboot reboot

Una volta riavviato dovreste vedere automaticamente l’app Magisk Manager tra quelle disponibili. Se doveste non vederla, reinstallatela manualmente tramite il link riportato sopra. Dopo aver acquisito i permessi di root siete ufficialmente pronti per tuffarvi nel mondo del modding.