Pensate che tra le mura Google sia tutto rose e fiori? Non è proprio così, trapelato un audio di Sundar Pichai

Vincenzo Ronca

Google è una grande azienda che, agendo su tantissimi campi tecnologici, ingloba un gran numero di dipendenti. Negli ultimi tempi qualcosa sembra aver turbato proprio l’armonia aziendale, che per Google è sempre stata alta nell’immaginario collettivo.

Queste considerazioni sono state portate alla luce dal Washington Post, dove sono venuti in possesso anche di un file audio relativo ad una riunione tenuta da Sundar Pichai in azienda. I problemi di Google con i suoi dipendenti si basano su questioni di fiducia: il CEO di Google ha infatti ammesso che in azienda qualcuno ha violato la fiducia dei dipendenti ed ha promesso che verranno profusi tutti gli sforzi necessari per ripristinarla.

LEGGI ANCHE: Google Nest Hub Max, la recensione

Tra le questioni pratiche alla base dei dissensi c’è sicuramente l’assunzione da parte di Google di Miles Taylor, un personaggio che in precedenza ha lavorato al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale con l’amministrazione Trump, in particolare nell’ambito del cosiddetto “divieto di viaggio” in USA che ha causato diversi problemi e situazioni gravose per i cittadini di altre nazionalità e musulmani.

Ulteriori condanne arriverebbero dai dipendenti Google perché alcuni di loro avrebbero subito delle ritorsioni in seguito ad alcuni scioperi e proteste che si sono verificate in azienda. Altre polemiche sono sorte in seguito ad un’estensione Chrome distribuita tra i dipendenti che avrebbe avvertito la dirigenza nel caso in cui fossero stati creati eventi che coinvolgessero più di 100 dipendenti in 10 sale: la versione ufficiale riporta che non è stato un tentativo di evitare gli assembramenti ma quello di scongiurare lo spam sul calendario.

Riepilogando, Google è una grande azienda e come tale deve fisiologicamente confrontarsi anche con sfide del genere. Se foste interessati a tutti i dettagli della vicenda vi suggeriamo di consultare la fonte, dove troverete anche il file audio originale contenente le dichiarazione di Sundar Pichai.

Via: Engadget